Dalla Grande Guerra alla Grande Pace

 

 

IL PROGETTO “DALLA GRANDE GUERRA ALLA GRANDE PACE”

Il MoVi è da sempre impegnato in progetti di promozione dell’educazione permanente dei giovani alla cittadinanza democratica, alla pace, ai diritti umani, alla legalità e alla giustizia mediante lo sviluppo dell’interazione e della collaborazione tra le scuole, gli Enti Locali e il territorio.

Così nel 2014 è nato il progetto “Dalla Grande Guerra alla Grande Pace” (vai al sito) , partendo dal Meeting nazionale delle scuole di pace sulle trincee della prima guerra mondiale in Friuli Venezia Giulia che ha visto la partecipazione attiva degli studenti e degli insegnanti, delle scuole e delle istituzioni che hanno partecipato.

I LABORATORI

Sono stati realizzati dei laboratori per far riscoprire ai ragazzi le tracce della prima guerra mondiale intorno a loro, comprendendo i meccanismi storici e le implicazioni di un conflitto bellico insieme alle forze di resilienza che permettono di superarlo e di riassorbirne poi le cicatrici.

IL CONCORSO LETTERARIO

Nel 2016 si è tenuto un concorso letterario, rivolto ai giovani scrittori fra i 14 e i 19 anni sul tema: “Sconfinamenti di pace e di cittadinanza” racconti brevi ambientati in Friuli Venezia Giulia il cui intento era quello di valorizzare la scrittura nei molteplici significati della pace: dall’azione al significato, fino all’agire su sé stessi e per la propria crescita interiore.

LE SCHEDE DI PACE

Territori sentieri, itinerari, segni, eventi, luoghi di pace e di cittadinanza responsabile in FVG inserite all’interno della mappa principale del sito del progetto per promuovere una “didattica dei luoghi” .

GLI ALTRI SIAMO NOI

Nel 2017 il MoVI intende proseguire questo filone di azioni per valorizzare l’anniversario della prima guerra mondiale come occasione di educazione alla pace continuando le azioni sul territorio tramite la mostra dinamica ed educativa “Gli altri siamo noi” frutto di un’idea olandese e belga (tradotta e adattata dall’associazione PACE E DINTORNI di Milano). Non è una mostra in senso tradizionale, è un percorso di giochi educativi che stimolano a riflettere a proposito di pregiudizi, discriminazione e capro espiatorio. Lo scopo è quello di offrire, attraverso SCOPERTA, SPERIMENTAZIONE ed AZIONE, una percezione di come vengono “creati” i capri espiatori, i pregiudizi e le discriminazioni, della loro valenza sociale ed individuale e delle possibili soluzioni.

Oltre a questa ci saranno altre azioni come:

Didattica dei luoghi di pace

Promozione ed utilizzo nell’organizzazione di eventuali gite e uscite didattiche i 15 luoghi significativi individuate lo scorso anno.

Sconfinamenti di pace e cittadinanza: laboratori di didattica narrativa

Realizzazione di laboratori didattici “Andiamo a Capo-retto! Rimescolamenti di parole e confini” in 4 classi delle scuole superiori (sul racconto) e 4 classi delle scuole medie (fumetto).