mostra gli altri siamo noi

Mostra “GLI ALTRI SIAMO NOI” a San Daniele del Friuli

Dal 12 Marzo al 20 Aprile il MoVI presenterà una mostra interattiva per ragazzi dai 9 ai 16 anni chiamata “Gli Altri Siamo Noi”.
La mostra, che si terrà in Via Cadorna, 44 a San Daniele del Friuli, nata da un’idea olandese e belga (tradotta e adattata dall’associazione PACE E DINTORNI di Milano), è un percorso di giochi educativi che stimolano i ragazzi a riflettere a proposito di pregiudizi, discriminazione e capro espiatorio. Insegnando ai bambini che devono pensare, non quello che devono pensare. Questo è lo scopo della mostra, dare modo ai ragazzi di comprendere a modo loro come si diffondono pregiudizi e discriminazioni e come nascono i capri espiatori.

Nell’educazione al dialogo interculturale uno degli strumenti più importanti è l’imparare a porsi domande, sviluppare spirito critico per comprendere da soli quali sono i rischi e i limiti delle false percezioni, degli stereotipi e delle generalizzazioni.

La mostra è gratuita, aperta a classi dalla quarta elementare al biennio delle superiori, con gruppi di circa 20 studenti con la supervisione di un insegnante. I gruppi possono visitare la mostra su prenotazione contattando Lisa Sampieri al +39 3468215898 o scrivendo un’email a glialtrisiamonoi@movi.fvg.it .

Il 12 Marzo si terrà l’inaugurazione alle ore 18.00 insieme all’intervento di Dino Persello con il racconto “LA TASSA DAI LENS”  seguito dal rinfresco ai sapori del Marocco a cura dell’Associazione ATLAS.

In più la mostra sarà aperta al pubblico nei giorni sabato 17 marzo e giovedì 29 marzo dalle ore 15.00 alle 18.00.

Qui potete scaricare l’invito alle scuole e l‘invito all’inaugurazione.

#RispettaLeDifferenze

One comment

  1. La professoressa di filosofia quanto era brutta, mamma mia- quel giorno mi massacrò. Implacabile, incattivita da una probabile (quanto meritata) acidità di stomaco, petulante oltre ogni dire ,caustica ed inesausta nelle bordate. Si discettava circa il pregiudizio nella filosofia di Spinoza. E mi incartai un pelino sul pregiudizio dei pregiudizi, ovvero l”illusione del libero arbitrio umano. Dopo essermi incartato, affogai. E lei a goderne, sempre più brutta in un sarcastico sorriso. Vendicativo quanto basta, da quel giorno la immaginai perennemente sul precipizio. Destinata a brancolare nel vuoto, lei ancora più brutta e vedersela veramente brutta. Scimmiottando la bellezza di un classico, mi lasciai trascinare alla deriva. Dedicandole uno scadente brevissimo poemetto dal titolo Rosolio e precipizio. Nei confronti della docente demente, sia ben chiaro, mi sorgeva sovente il dubbio di nutrire un giudizio molto simile al pregiudizio. Un pregiudizio spingente, grosso modo da precipizio.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *