A scuola di volontariato, nel nome di Luciano Tavazza

Il Centro servizi per il volontariato di Padova, forte delle esperienze formative collegate alla Scuola del legame sociale e ai corsi annualmente organizzati per le associazioni, decide di impegnarsi in un ulteriore progetto innovativo di alto profilo: una scuola di volontariato e legame sociale, dedicata a uno dei padri del volontariato italiano, Luciano Tavazza: A scuola di volontariato, nel nome di Luciano Tavazza
La scelta di dedicare questa nuova esperienza formativa a Tavazza non è banale.Morto sedici anni fa egli rappresenta, a parere di studiosi e storici sociali, una delle figure più importanti per capire le potenzialità e le peculiarità del volontariato moderno, perché ha teorizzato l’assunzione della dimensione politica del volontariato nel nostro paese, senza dimenticare la testimonianza del dono e della condivisione. Il suo impegno, la sua tenacia e dedizione tra gli anni Sessanta e Novanta, lo hanno reso protagonista assoluto nella guida e nell’accompagnamento del volontariato, che si è trasformato appunto da soggetto caritativo e assistenziale a politico. Infatti, la dimensione politica del volontariato è stata proprio la grande novità introdotta da Luciano Tavazza. La sua fu una rottura culturale, un cambio di passo del pensiero e delle prassi che, significativamente, coincise con il salto di qualità del welfare pubblico. Furono gli anni in cui le associazioni iniziavano a costruire rapporti tra loro, reti di solidarietà. Furono avviati virtuosi percorsi di sinergia volti a migliorare l’azione delle organizzazioni sul territorio, a potenziare la formazione, ad approfondire la capacità di analisi della situazione. La nascita del Movimento di volontariato italiano nel 1978 fu un segnale di questa svolta culturale che così veniva descritta da Luciano Tavazza: «Tale impetuoso fenomeno di crescita è stato preceduto da una forte spinta al rinnovamento dell’azione altruistica registrata nelle organizzazioni cattoliche più impegnate nei servizi sociali alle persone, a partire dalla Caritas italiana sotto la guida di Giovanni Nervo. Quest’ultimo è l’ispiratore di una concezione dell’azione volontaria fondata sulla rimozione delle cause di disagio, della povertà e dell’esclusione sociale».Tavazza prosegue ricordando che l’iniziativa di mons. Nervo aveva scatenato reazioni e diverse polemiche. Sempre secondo lui, invece, proprio l’assunzione della dimensione politica (di pari passo con quella della testimonianza del dono e della condivisione) mirava, per la prima volta, a rendere il volontariato soggetto attivo, partecipe alla programmazione delle politiche sociali e non solo dei singoli servizi. Un metodo e uno stile di partecipazione che differenziano il volontariato dai movimenti di protesta degli anni Settanta e lo accreditano come una democratica forza di pressione per il mutamento sociale, che comporta una leale, aperta e organica collaborazione con le istituzioni, le autonomie locali, le forze sociali e tutte le chiese. È un cambiamento trasversale di tutta la società. Il volontariato si pone come movimento collettivo, organizzato ma non conflittuale, socialmente autonomo ma non antagonista, profondamente ancorato alla cultura democratica della costituzione repubblicana, disponibile alla cooperazione con le istituzioni democratiche per il raggiungimento dell’uguaglianza e dell’emancipazione. Tavazza, a suo modo, è stato capace di interpretare per primo, e molto prima di altri, un passaggio epocale che sociologi come Alain Touraine, Ronald Inglehart, Alberto Melucci e tanti altri studiosi stavano contemporaneamente diffondendo mediante i loro studi e le loro ricerche.
In questa logica ritengo che dedicare la Scuola di volontariato e di impegno solidale a lui sia per il Csv di Padova e per tutto il suo consiglio direttivo un modo per indicare con rigore la strada da intraprendere: quella di impegnarsi per formare volontari e cittadini come protagonisti attivi nel promuovere comunità includenti e in grado di generare nuovi legami sociali.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.