PRODIGI: COMPETENZE DIGITALI E GIOVANI PROTAGONISTI PER UNA SCUOLA PER TUTTI

 

Il progetto, finanziato dalla Fondazione Con i Bambini, nell’ambito del bando Adolescenza per il contrasto della povertà educativa ed intende sperimentare percorsi integrati di promozione del protagonismo e della partecipazione dei ragazzi come metodo per aumentare la loro resilienza e le loro competenze e favorire quindi la più ampia inclusione scolastica.
 
L’approccio del lavoro di rete e della co-progettazione tra giovani e adulti, tra scuola e territorio, tra dimensione locale e regionale, mira a superare la frammentazione delle risorse e a favorire il coordinamento delle azioni (attivate dal progetto o già esistenti), costruendo una visione ampia e condivisa sul problema dell’abbandono scolastico e strategie più efficaci per affrontarlo, insieme ai ragazzi stessi.
 

Le idee di fondo che guidano l’azione sono:

  • Correlazione tra mancanza di autostima dei ragazzi e rischio di abbandono: il progetto crea contesti valorizzanti in cui tutti i ragazzi possano esprimere le proprie attitudini ed aspirazioni, acquisire competenze, mettendosi alla prova e costruendo positivamente la propria identità insieme agli altri. Tema cruciale per gli adolescenti stranieri e il confronto con culture diverse.

  • I ragazzi che abbandonano sono quelli che meno partecipano e che hanno meno relazioni sociali, da qui l’obiettivo di favorire il loro protagonismo di gruppo e associazioni della comunità (che spesso non conoscono) e di progetti nella scuola, come pure di coinvolgerli in attività a favore di altri ragazzi con l’effetto moltiplicatore di aiutare quest’ultimi a “uscire dall’isolamento” (peer to peer).

  • Necessità di aumentare la “competenza digitale” dei giovani e dei loro educatori/insegnanti, perché diventi strumento di espressione positiva di se stessi e di inclusione. Per coordinare e rimuovere le azioni co-progettate di ogni territorio, sono previsti due livelli di lavoro di rete, che danno corpo e concretezza all’idea di Comunità Educante:
    1. Un coordinamento per il protagonismo, la cittadinanza digitale e l’inclusione di tutti i ragazzi promosso in ogni territorio coi rappresentanti di scuola, studenti, servizi educativi, famiglie, enti locali, associazioni.
    2. Un Coordinamento Regionale di rete “scuole per la cittadinanza dei giovani e l’inclusione”, promosso tra tutte le scuole, con un rappresentante per ogni partner del progetto, degli enti locali, il Garante per i bambini e gli adolescenti della Regione  FVG, l’USR e la Regione.
OBIETTIVI GENERALI
  • Creare una rete stabile tra agenzie educative già operanti in regione, a diversi livelli, nel contrasto della dispersione scolastica, per la cittadinanza dei giovani e l’inclusione
  • Creare/favorire la partecipazione a percorsi valorizzanti, dove sia possibile costruire una identità positiva e acquisire competenze nel confronto con gli altri (prevenendo il disagio)
  • Creare a livello locale alleanze (i coordinamenti) che diventino accordi stabili per una Comunità Educante (patto di comunità)
OBIETTIVO SPECIFICO
Favorire l’inclusione restituendo ai giovani un consapevole protagonismo delle scelte attraverso percorsi partecipati che li rendano parte attiva della Comunità Educante all’interno di una rete stabile e capace di rispondere ai bisogni emergenti.
 
 
 

 
Finanziato da

Prodigi

Prodotto/servizio
69

Pagina di promozione e diffusione delle attività svolte nell'ambito del progetto COMPETENZE DIGITALI E GIOVANI PROTAGONISTI PER UNA SCUOLA PER TUTTI

Prodigi

14 ore 2 minuti fa

Domani mercoledì 20 Novembre sarà presentato a Gemona del Friuli, uno dei 5 territori coinvolti dal progetto PRODIGI, il Patto di Comunità per il benessere digitale.
Alla serata, intitolata "Social media, che commedia", dedicata alle famiglie di Gemona e dintorni, parteciperà la comica Catine che porrà l'attenzione sull’uso critico e consapevole delle nuove tecnologie con i toni scherzosi che la contraddistinguono.

#PRODIGI #pattodicomunità #competenzedigitali #giovaniprotagonisti

Prodigi

3 settimane 6 giorni fa

Chi sono e che cosa vogliono i giovani oggi?

Lo abbiamo chiesto a Stefano Laffi, ricercatore sociale dell'agenzia di ricerca sociale Codici, intervenuto a Fanna (PN) nell'ambito della realizzazione di un Patto di comunità per il Maniaghese, prerogativa del progetto Prodigi, finanziato dall'impresa sociale Con i bambini, nell'ambito del contrasto alle povertà educative.
Associazione MEC Movi Friuli Venezia Giulia banda larga monfalcone

#protagonismogiovanile #competenzedigitali #prodigi

Prodigi

Prodigi

1 mese 4 settimane fa

Un pomeriggio con i coordinatori territoriali di Udine, Gemona, San Daniele, Monfalcone e Maniago per l'inizio del secondo anno del progetto: preziosa occasione per confrontarci sull'importanza di un "patto della comunità educante".

 

Il progetto, finanziato dalla Fondazione Con i Bambini, nell’ambito del bando Adolescenza per il
contrasto della povertà educativa ed intende sperimentare percorsi integrati di promozione del protagonismo e della partecipazione dei ragazzi come metodo per aumentare la loro resilienza e le loro competenze e favorire quindi la più ampia inclusione scolastica.
L’approccio del lavoro di rete e della co-progettazione tra giovani e adulti, tra scuola e territorio, tra dimensione locale e regionale, mira a superare la frammentazione delle risorse e a favorire il coordinamento delle azioni (attivate dal progetto o già esistenti), costruendo una visione ampia e condivisa sul problema dell’abbandono scolastico e strategie più efficaci per affrontarlo, insieme ai ragazzi stessi.
 

Le idee di fondo che guidano l’azione sono:

  • Correlazione tra mancanza di autostima dei ragazzi e rischio di abbandono: il progetto crea contesti valorizzanti in cui tutti i ragazzi possano esprimere le proprie attitudini ed aspirazioni, acquisire competenze, mettendosi alla prova e costruendo positivamente la propria identità insieme agli altri. Tema cruciale per gli adolescenti stranieri e il confronto con culture diverse.

  • I ragazzi che abbandonano sono quelli che meno partecipano e che hanno meno relazioni sociali, da qui l’obiettivo di favorire il loro protagonismo di gruppo e associazioni della comunità (che spesso non conoscono) e di progetti nella scuola, come pure di coinvolgerli in attività a favore di altri ragazzi con l’effetto moltiplicatore di aiutare quest’ultimi a “uscire dall’isolamento” (peer to peer).

  • Necessità di aumentare la “competenza digitale” dei giovani e dei loro educatori/insegnanti, perché diventi strumento di espressione positiva di se stessi e di inclusione. Per coordinare e rimuovere le azioni co-progettate di ogni territorio, sono previsti due livelli di lavoro di rete, che danno corpo e concretezza all’idea di Comunità Educante:
    1. Un coordinamento per il protagonismo, la cittadinanza digitale e l’inclusione di tutti i ragazzi promosso in ogni territorio coi rappresentanti di scuola, studenti, servizi educativi, famiglie, enti locali, associazioni.
    2. Un Coordinamento Regionale di rete “scuole per la cittadinanza dei giovani e l’inclusione”, promosso tra tutte le scuole, con un rappresentante per ogni partner del progetto, degli enti locali, il Garante per i bambini e gli adolescenti della Regione  FVG, l’USR e la Regione.
OBIETTIVI GENERALI
  • Creare una rete stabile tra agenzie educative già operanti in regione, a diversi livelli, nel contrasto della dispersione scolastica, per la cittadinanza dei giovani e l’inclusione
  • Creare/favorire la partecipazione a percorsi valorizzanti, dove sia possibile costruire una identità positiva e acquisire competenze nel confronto con gli altri (prevenendo il disagio)
  • Creare a livello locale alleanze (i coordinamenti) che diventino accordi stabili per una Comunità Educante (patto di comunità)
OBIETTIVO SPECIFICO
Favorire l’inclusione restituendo ai giovani un consapevole protagonismo delle scelte attraverso percorsi partecipati che li rendano parte attiva della Comunità Educante all’interno di una rete stabile e capace di rispondere ai bisogni emergenti.
 
 
 

 
Finanziato da