8 marzo donne lavoro e famiglia

L’8 marzo ricorre la festa della donna, ma per la verità il gentil sesso meriterebbe di esser celebrato ogni giorno, perché sono le donne che tengono in piedi l’ossatura della società occupandosi dei figli, dei genitori, delle persone bisognose senza rinunciare ai propri desideri, ma soprattutto, contribuendo all’economia familiare in un momento così drammaticamente difficile come quello attuale.
Sono i numeri ad evidenziare il dato: le donne tra i 25 e i 54 anni che si occupano dei figli, della famiglia, dei parenti bisognosi sono, in Italia, 8 milioni 378mila. Lo ha certificato l’Istat nel suo ultimo rapporto «La conciliazione tra lavoro e famiglia». Di queste, il 68,8% al Centro/Nord e il 34,6% al Sud e nelle Isole ha un reddito e risulta attiva nel mercato del lavoro. Nel 90% di questi casi, le donne partecipano attivamente, con oltre il 40%, alla formazione del reddito familiare. Numeri che parlano da soli e che dovrebbero far riflettere una società, un Paese, che nei confronti delle donne è ancora molto lontano dal potersi considerare aperto. Basti pensare alle difficoltà delle madri lavoratrici nel conciliare impegni familiari e professionali. Nel Nord Europa circa l’80% delle donne ha un impiego part-time e contribuisce al reddito familiare oltre che a garantire la propria presenza in famiglia. Secondo l’Istat, le donne italiane, invece, hanno una “totale sfiducia nell’inserimento nel mercato del lavoro”. Se è vero che la disoccupazione è dilagante, è pur vero che in Italia è sessista: sono le donne, come i giovani, a rappresentare l’anello debole della società in fatto di realizzazione professionale. In queste settimane, si sta parlando molto della riforma del mercato del lavoro. Ebbene una inversione di rotta è indispensabile, al fine di risolvere per le donne annose questioni legate al part-time e all’accesso al mercato. È auspicabile che la riforma del ministro Elsa Fornero tenga conto di questi importanti aspetti: facilitare e rendere più accessibile, nonché appetibile dal punto di vista remunerativo, il part-time, soprattutto per le donne. Quanto al binomio donne e potere, l’Italia è il fanalino di coda in Europa per quanto riguarda la percentuale di donne collocate in posizioni di vertice in campo politico, sociale ed economico. È arrivato, però, il momento di cambiare le regole del gioco: non si può continuare a parlare di pari opportunità come fosse uno slogan di cui vantarsi. Adoperiamoci, invece, per far sì che le disuguaglianze scompaiano. Margaret Thatcher affermò: “In politica, se vuoi che qualcosa venga detto, chiedi ad un uomo. Se vuoi che qualcosa venga fatto, chiedi ad una donna”. L’auspicio è che la società civile recepisca l’importanza del ruolo femminile nella collettività. Le donne non possono solo ‘far presenza’, ma devono avere un ruolo permanente nelle istituzioni politico-amministrative. Diventa, quindi, necessario mettere in atto un percorso che dia loro gli strumenti per poter svolgere in pieno il ruolo politico. La mia azione amministrativa sarà sempre orientata alla difesa di una posizione della donna evoluta e paritaria.

Lucio De Bernardo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.