8 Marzo non c’è nulla da festeggiare

Festa delle donne: perchè l’8 Marzo non c’è nulla da festeggiare, dispiace, ma davvero oggi non abbiamo nulla da festeggiare. E non è per andare controcorrente, nè per lamentarsi. Però davvero, oggi le donne (soprattutto italiane) non hanno proprio nulla a cui brindare.
Non abbiamo nulla da festeggiare perchè l’8 marzo del 1917 un gruppo di operaie americane fu chiuso a chiave in fabbrica dal datore di lavoro, perchè non partecipassero a uno sciopero. E sono morte, tutte, a causa di un incendio. Non c’è niente da festeggiare perchè l’8 marzo del 1921 a Mosca ci fu una grossa manifestazione femminile e femminista contro la dittaura Zarista. Non c’è niente da festeggiare perchè non servì a niente.
Non c’è niente da festeggiare perchè nel 21esimo secolo dobbiamo faticare per abortire. Non abbiamo nulla da festeggiare perchè esistono le spose bambine. Perchè in Bangladesh c’è una legge che rende normale lo stupro di una minorenne, con conseguente matrimonio. Non abbiamo nulla da festeggiare perchè in Occidente non ce la caviamo meglio.
Perchè abbiamo paura a rientrare a casa da sole la sera tardi, perchè se abbiamo la minigonna e veniamo violentate è pure colpa nostra. Non abbiamo nulla da festeggiare perchè se ci divertiamo siamo delle prostitute, mentre un uomo che lo fa è un grande. Così è, è sempre stato e sempre sarà. Non abbiamo nulla da festeggiare perchè viviamo in una società che ti costringe al suicidio se per caso in rete si diffonde un tuo video hard. Non c’è niente da festeggiare perchè non puoi lasciare un uomo che quello ti cosparge di benzina e ti da fuoco, oppure ti picchia, oppure diventa uno stalker, che è pure peggio.
Non abbiamo niente da festeggiare perchè esiste la Pink Tax. E pure perchè un’attrice non può mettersi in topless, altrimenti è accusata di “ledere la dignità della donna” (Emma Watson, ndr).
Non abbiamo nulla da festeggiare, perchè continuiamo a laurearci prima e con voti più alti dei nostri compagni di corso maschi. Non c’è niente da festeggiare, perchè quei compagni maschi, quelli che sono meno preparati di noi, quelli a cui all’università facevamo copiare gli esami, oggi guadagnano molto più di noi. E lo dice l’Istat, gli uomini percepiscono compensi maggiori delle donne qualsiasi sia il grado e la fascia d’età.
Non c’è niente da festeggiare perchè quando una donna rimane incinta, la maggior parte delle volte rimane pure a casa senza lavoro. Non abbiamo nulla da festeggiare perchè sul posto di lavoro abbiamo sempre costantemente bisogno di dimostrare di essere brave almeno quanto i colleghi maschi e che possiamo fare anche i lavori da uomini. Perchè dobbiamo faticare per dimostrare che “oltre alle gambe c’è di più”, che è una canzone che cantavano Sabrina Salerno e Jo Squillo a Sanremo 25 anni fa, ma il testo andrebbe ripetuto come un mantra, ancora oggi, tutti i giorni. Abbiamo ancora bisogno di dimostrare che puoi essere sia bella che intelligente e che il posto di lavoro che hai te lo sei guadagnato con la fatica, non con il talento sotto la scrivania. Che è la prima cosa che pensa un uomo quando vede una bella donna occupare un ruolo di rilievo.
Non c’è nulla da festeggiare se abbiamo bisogno di un giorno per sentirci valorizzate. Oggi, per favore, ricordate tutto questo. E ricordatevelo pure domani e tutti i giorni che verranno. L’unico motivo per festeggiare è che, nonostante tutto questo, andiamo ancora avanti. E di mimosa fatevi regalare la torta, che i fiori dopo due giorni puzzano e appassiscono.
Claudia Carotenuto

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.