Acqua e pandemie: cosa possiamo fare?

I cambiamenti climatici e le pandemie – come quella del corona-virus – non possono essere contrastati senza l’accesso universale all’acqua potabile e sicura come diritto umano.
Lavarsi le mani è una delle misure fondamentali con cui stiamo combattendo il coronavirus, ma per farlo c’è bisogno di poter accedere ad acqua pulita per tutti. Purtroppo nel mondo e in Italia non è così!
L’acqua è un diritto umano e costituisce una precondizione anche per la salute! L’emergenza sanitaria del coronavirus è anche la conseguenza dei cambiamenti climatici. L’azione contro il cambiamento climatico inizia dall’acqua, dalle città, dai propri comportamenti. Anche la sostenibilità ambientale inizia dalla salvaguardia dell’acqua, fonte di vita e risorsa indispensabile per prevenire i virus. Il riscaldamento globale e gli eventi meteorologici estremi possono contribuire ad accelerare e aumentare la diffusione territoriale dei virus, contribuendo ad alzare il rischio di contagio e di pandemia.
Questa è la proposta in occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente,il 5 Giugno 2020, degli enti e associazioni partner del progetto “Le città e la gestione sostenibile dell’acqua e delle risorse naturali”, realizzato dal Centro di Volontariato Internazionale (CeVI) di Udine, con un partenariato costituito da gestori dell’acqua – MM Spa (Milano), CAFC (Udine), dal Comune di Milano (Ass. Transizione Ambientale), Coordinamento Enti locali per la pace, Università di Udine (DPIA); organizzazioni della società civile: Comitato Italiano per il Contratto Mondiale dell’Acqua (CICMA), Cittadinanzattiva, People Help the People (PHP), Gruppo Missioni Africa (GMA), Solidarietà e Cooperazione CIPSI, progetto co-finanziato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS) con AID 11788.

Segui la pagina Facebook del progetto
Scopri il progetto

Cevi

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.