Andrà tutto bene

Oggi sono uscita per andare a fare la spesa, nel paese c’erano poliziotti ovunque, strade mezze desolate, parchi vuoti e nessun rumore di macchine. Mi sentivo quasi impazzire, c’era un sole che spaccava le pietre e nessuna persona era lì fuori a goderselo. Continuavo a camminare e sui balconi delle case comparivano scritte come “Andrà tutto bene” “Ce la faremo”… quelle scritte mi hanno fato pensare: “E i bambini? Come staranno?” C’è gente che pur di non stare a casa si inventa di tutto, pensano che stare a casa con la propria famiglia sia una tragedia immane; io penso che il vero dramma sia rappresentato da una persona infetta da coronavirus che muoia da sola in un letto d’ospedale, senza il supporto psicologico di un parente o di un amico. L’immagine shock che porterò dentro di me, per sempre, è quella relativa alla processione dei camion militari che attraversano la città di Bergamo, stracarichi di bare che non trovano posto in cimiteri strapieni o luoghi di cremazione ridotti al collasso. Ridare un senso vero a questa vita, così precaria e vulnerabile è quasi d’obbligo, ma forse tutto questo lo si capisce davvero, solo quando si è vittime di una perdita, magari di un proprio caro, oppure quando noi stessi veniamo contagiato e ci ritroviamo da soli. Sono sicura che se tutti rispettassimo le normative, ne usciremo più forti di prima e questo periodo potrà essere visto come un’occasione per capire davvero di cosa abbiamo bisogno, di cosa ha davvero valore e senso. Con ciò impareremo che le cose più semplici , come un abbraccio, un bacio o una passeggiata in realtà sono una delle cose più preziose che abbiamo. Il virus non guarda in faccia a nessuno, che tu sia nero o bianco, ricco o povero, bambino o anziano a lui non fa differenza , quando tutto sarà finito dovremo ricordarci proprio di questo. Non so come sta vivendo questo periodo un adolescente medio, in quanto non ho mai pensato che uscire la sera, andare a ballare fossero l’essenziale della vita e della mia vita. Questo periodo, più che “difficile” lo definirei “strano”, perché non è permesso fare quelle cose che nella vita di tutti i giorni diamo per scontato, come fare una passeggiata, andare a fare la spesa, vedersi con le amiche … non avrei mai pensato che tutto ciò potesse diventare un privilegio, non avrei mai pensato che le strade potessero essere così desolate. L’adolescenza è quel periodo della vita dove noi ci sentiamo superiori a tutto, dove puoi infrangere le
regole, ma penso che noi tutti, adesso, dobbiamo seguire le regole e rimanere a casa. Dobbiamo trarre da questo momento storico e sanitario una lezione di vita, dobbiamo cercare l’essenza della vita stessa. Dobbiamo imparare a diventare adulti. Adesso ci viene richiesto.

Desireè Cesarano Francesca classe 4^A AFM 26/03/2020

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.