In cammino nella riforma del terzo settore

Nella mattinata di sabato 20/01/2018 si è svolto a Udine presso il palazzo della Regione Friuli Venezia Giulia un’interessante seminario informativo sulla riforma del terzo settore.
Gli organizzatori, Regione FVG, Forum del terzo settore e Centro Servizi del Volontariato, hanno voluto proporre questo incontro con lo scopo di presentare la recente riforma normativa che ha rivoluzionato il Terzo Settore. La nuova riforma sostituisce la Legge sul Volontariato (legge n.266/1991), la disciplina delle associazioni di promozione sociale (legge n.383/2000), il decreto sulle Onlus, razionalizzando l’intero sistema e introducendo importanti novità. Alcuni dei cambiamenti sono già effettivi, altri richiederanno diversi mesi per entrare in vigore. Secondo gli organizzatori è iniziato un percorso che impegna tutto il mondo del terzo settore e le Istituzioni regionali a comprendere le novità per costruire insieme un nuovo sistema di solidarietà e gestire le attività di interesse generale che la riforma individua come spazio di sussidiarietà e collaborazione tra soggetti pubblici e privati. Non solo: la riforma è l’occasione per formasi, ripensarci e rinnovarsi in funzione del futuro delle realtà del terzo settore, della collettività e del sistema di solidarietà e protezione sociale.
Questo incontro per me, volontaria, è stato determinante. Ha confermato che è importante continuare a “camminare” con la costanza e l’impegno di sempre comprendendo che l’attività della propria associazione non potrà limitarsi ad essere svolta entro il proprio orticello ma deve uscire all’aperto per collaborare e progettare con gli enti pubblici e altre associazioni attività e progetti di ampie vedute. Inoltre, è indispensabile che tutti i soci delle associazioni di volontariato si rendano consapevolmente partecipi a tutte le attività che si svolgono, sia per il bene del prossimo, sia amministrative gestionali.
I soggetti del terzo settore operano in diversi campi, con conoscenze e bagaglio culturale diversificato ed importante: un patrimonio da conservare bene e da divulgare a coloro che lo desiderano accogliere. Sono: la lotta alla povertà nel mondo, promuovere l’istruzione a tutti, ridurre l’ineguaglianza tra le nazioni, adottare misure per la salvaguardia del pianeta, promuovere la pace, lotta alla fame, emancipazione femminile e tutela dell’essere donna, incentivare una crescita economica etica, rendere gli spazi pubblici e le città vivibili e agibili a tutti, gestire in modo equo il bene prezioso dell’acqua, favorire l’eco sistema e assicurare la salute a tutti. Infine, la lotta per il diritto alla vita e alla dignità della persona, il diritto di vivere la diversità come valore assoluto di ogni uomo indipendentemente dal colore della pelle, di pensiero, di credo e di sesso.
Questo è il nostro patrimonio la cui vivacità e fortezza non sempre esce alla luce. Spero che gli incontri che ci riserviamo, come quello di oggi, possano aiutarci a comprendere che non siamo soli, che ci sono altre persone che credono in quei valori per cui non abbiamo più alibi per auto emarginarci chiudendoci nel silenzio del nostro “orticello”, ma dobbiamo uscire allo scoperto trovando il modo giusto per comunicare i valori ad altre persone che non li conoscono, non li affrontano e rimangono superficiali. Aiutiamoci a comunicare che è possibile realizzare un mondo diverso e più sostenibile con l’apporto e l’interesse di più persone possibili. La riforma del terzo settore è un momento importante per le associazioni, per ripensare alla propria missio al fine di scegliere se divenire ente del terzo settore, con tutti gli obblighi che ne derivano, oppure, di prospettarsi delle strade nuove. La riforma sottolinea: l’importanza e la necessità di un percorso di complementazione, Co-progettazione e Co-programmazione in rete tra enti no-profit e pubblica amministrazione; la cittadinanza, rappresentanza e importanza politica per tutti i soggetti del terzo settore. Importante è ricordare che per l’attuazione di questo percorso la regione promuoverà incontri e strumenti informativi per associazioni ed enti del terzo settore su obblighi ed adempimenti vari; man mano che saranno emanati i decreti attuativi sarà garantito un accompagnamento con incontri territoriali, diffusione di manuali e vademecum, informazione capillare su scadenze, obblighi, adempimenti e opportunità. Inoltre verranno proposti tavoli di confronto e raccordo tra regione, forum, CSV, Enti e Professioni sulle diverse problematiche o sfide da affrontare, per  raccordarsi e per concentrare procedure e modalità utili ad evitare possibili rischi e per valorizzare al meglio l’impegno di ognuno. Infine, seminari formativi e laboratori su specifiche tematiche in collaborazione con gli ordini professionali per garantire una adeguata conoscenza e per diffondere competenze e strumenti di lavoro utili a tutti.

Monica

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.