“Chiedi qualsiasi cosa di cui hai bisogno”

Vive in auto e sul cofano trova una lettera da un vicino sconosciuto: “Vienimi a bussare per qualsiasi cosa di cui hai bisogno” Una piccola storia di generosità gratuita ed aiuto, è quella che è successa in una cittadina americana, quando un uomo in difficoltà, che non ha più una fissa dimora ed è costretto a vivere nel proprio furgone, di mattina si sveglia con un biglietto sul proprio parabrezza scritto a mano da uno sconosciuto, o meglio, da un abitante del quartiere in cui il senzatetto aveva parcheggiato il suo van in quei giorni, che visto la macchina e capito che chi ci viveva dentro poteva stare vivendo un periodo di difficoltà economica e che quindi avrebbe potuto avere difficoltà anche per altre necessità impellenti, dal comprare del cibo al farsi una doccia, ha deciso, come puro atto di generosità, di scrivere un biglietto e lasciarlo sul suo parabrezza, in modo da esserci e potere aiutare l’uomo, per qualsiasi necessità,
La lettera dice: “Amico, Vivo di fronte a questo parco pubblico da alcuni anni ormai. Non è difficile riconoscere quando qualcuno vive nella propria macchina, anche io in passato mi sono ritrovato nella tua stessa situazione. Se hai bisogno di qualsiasi cosa, come acqua o cibo, per favore sentiti libero di venire a suonare alla mia porta, mi trovi dall’altra parte della strada, al numero 2455. Sono cristiano, non voglio niente in cambio. Semplicemente ti ho visto li fuori e mi è dispiaciuto.
– Dan”
il senzatetto ha condiviso questo atto di gentilezza sul proprio profilo personale di facebook e da li, la storia ha fatto dei social ripresa da varie testate, facendo il pieno di like e di commenti, Migliaia di cuori da tutto il mondo sono stati commossi dalla compassione e la generosità mostrata da Dan a un senzatetto in difficoltà che vive nel suo furgone. Denise commenta: “Una persona bella e compassionevole che si rivolge a qualcuno meno fortunato. Questo dà a ciascuno di noi speranza nell’umanità. Cosa possono fare l’amore e la gentilezza. Dio vi benedica entrambi” “Io, mio figlio di 7 anni, 2 piccoli barboncini; abbiamo vissuto nella nostra macchina per più di un anno. È stato molto difficile e posso ringraziare coloro che ci hanno aiutato mentre lottavamo. Questa non è una storia triste, ma so esattamente cosa ha passato questa famiglia. Dio benedica coloro che aiutano gli sfortunati”, ha scritto Dora M. “Negli anni ’70 viaggiavamo in Australia e alloggiavamo in un parcheggio per roulotte a Yeppoon. Nel bel mezzo della stagione delle piogge e c’erano un uomo e quattro bambini che vivevano nella loro macchina. Li abbiamo lasciati trasferirsi nella nostra dependance e io mi sono occupata dei bambini mentre il padre andava a cercare un lavoro e un mese dopo è riuscito a trovare una occupazione e ad affittare una casa per la sua famiglia. Erano così grati di quello che abbiamo fatto per loro”, ha commentato Joan M. “Mio Dio, i buoni umani sono ovunque. Continuate così gente. Siete di ispirazione per tutti”, ha commentato Julie L.
da “positizie”

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.