Dal corpo del malato al cuore della politica

Dal corpo del malato al cuore della politica”. E’ il motto, l’insegna, sotto la quale l’Associazione Luca Coscioni conduce le sue battaglie. E’ un motto, una insegna di grande spessore: evoca i temi e i problemi che una seria e forte politica sanitaria/ assistenziale dovrebbe affrontare per far sì che i corpi malati vengano seguiti, curati, secondo le migliori norme e disposizioni possibili. L’Associazione si occupa anche della morte, in quanto anch’essa è “momento” della vita. Ma con quel suo motto si spinge ben più avanti: ci avverte che il corpo è non solamente- come pure deve essere- “oggetto”, “cura”, della politica; della politica è soprattutto “soggetto”. Forse, ne è il vero, ultimamente soggetto. Siamo dinanzi a una rivoluzione culturale, che ha lontane origini e determina uno specifico modello politico destinato ancora, probabilmente, a un lungo cammino. A mettere in moto questa rivoluzione furono in Italia, oltre mezzo secolo fa, i radicali guidati da Marco Pannella. Provenivano da esperienze ideali diverse, il nucleo centrale direttamente dalla breve parabola di quel partito radicale che era nato, nel 1955, per iniziativa di liberali, azionisti, socialisti (più un nutrito gruppetto di giovani usciti dall’esperienza della politica universitaria) ma presto si era esaurito e agli inizi degli anni 60 stava agonizzando, per le inadeguatezze di una classe dirigente non preparata al compito e non sufficientemente attenta e disponibile verso le novità che stavano manifestandosi su scala mondiale e richiedevano forme nuove di impegno politico e sociale. I radicali che assunsero, dietro a Marco Pannella, le responsabilità di quella tradizione e di quel nome, seppero invece essere pienamente contemporanei delle grandi rivoluzioni che stavano sconvolgendo la scena politica americana per poi propagarsi, globalmente, in tutto l’Occidente.

Angiolo Bandinelli

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.