Daryna, 11 anni: «Sono arrabbiata con Putin, aiutateci»

condividiamo la lettera che Daryna bimba ucraina ha inviato al Corriere della Sera:

«Ciao,il mio nome è Daryna Biletska, ho 11 anni e sono una bambina di Kiev . Ieri, 24 febbraio 2022, mia mamma mi ha svegliato alle 05:55 della mattina e mi ha detto: «Hanno iniziato a bombardare». Ho sentito le sirene. Ho fatto tutto quello che mi hanno insegnato a scuola e a casa. Sono andata a prendere nell’armadio il mio zaino salvavita – il papà lo chiama così – e l’ho messo vicino alla porta. L’ho preparato qualche settimana fa, ma non pensavo di usarlo veramente. Dentro ci sono bende, disinfettanti, cerotti e delle cose da mangiare. C’è anche l’acqua.
Mi ha scritto la mia migliore amica, lei ha paura delle bombe, io non tanto, per ora sono riuscita a stare calma. Da casa nostra anche stanotte abbiamo sentito delle esplosioni fortissime, adesso è un po’ che non sento niente. Non le avevo mai sentite prima. Siamo andati in un rifugio sotterraneo, era pieno di persone, ma poi siamo tornati nel nostro appartamento.
Io e la mia amica ci sentiamo sempre su Whatsapp, a volte la connessione non va bene. Cerco di rassicurarla, le dico che vinceremo. Ho chiesto a mia mamma se c’è un fucile o una pistola che posso usare in caso fosse necessario, ma lei dice che non sono cose da piccoli. Io non mi sento piccola.

Fino a due giorni fa andavo a scuola, sapevo che Putin ci voleva invadere ma mi sembrava una cosa non vera. Ho continuato a fare le cose normali ma adesso ho un po’ paura che cambi tutto. Quando riapriranno le scuole? Quando vedrò i miei amici? Quando tornerò ad allenarmi? Faccio tantissimi sport: atletica, calcio e parkour. Ho la passione per lo sport e l’idea di non andare agli allenamenti mi fa arrabbiare.
Però più di tutti sono arrabbiata con Putin perché questa è casa nostra e non ha diritto di portarcela via.
Dopo due anni di lockdown ora abbiamo anche la guerra. Noi bambini vogliamo uscire e andare a giocare. Ci facciamo compagnia su whatsapp ma non è la stessa cosa.
Mia mamma e mio papà sono a casa con me e mia sorella che ha 16 anni. Ieri, dopo i primi bombardamenti, papà è andato al lavoro, è un diplomatico, ho avuto paura che non tornasse a casa, ma poi è tornato e mi sono tranquillizzata.
Mi chiedo se veramente dovremo andare via da Kiev. Ora i russi sono in città e noi non usciamo di casa. I miei genitori vogliono rimanere qui, anche io.
Non so se questo è il posto giusto per chiedere all’Europa e all’America di aiutarci davvero, con le armi intendo. Ma se potete, venite qui.»
Daryna ha 11 anni ed è una bambina di Kiev. Nei giorni scorsi parlavamo coi suoi genitori di quello che sta succedendo in Ucraina. Il papà è un diplomatico, la mamma un’avvocata fondatrice della Ukranian’s Women Guard. Ieri, dopo le prime bombe russe, ci hanno mandato un messaggio: «Nostra figlia più piccola ha scritto una lettera, è molto arrabbiata». Daryna racconta la sua giornata sotto le bombe e fa un appello al mondo. I grandi parlano di banche, sanzioni, Swift, tutto giusto. Ma poi, la guerra è soprattutto una sirena che entra all’improvviso nella tua cameretta e ti dice che da quel momento in poi la tua quotidianità verrà calpestata.»

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.