Disabilità quando le parole hanno un peso

“C’era una volta un bambino thailandese nato con una paralisi cerebrale: non parlava, non camminava e non muoveva le braccia. Nel suo villaggio, proprio lì dove sua madre lo aveva messo al mondo, era considerato uno scherzo del destino e la sua malformazione frutto del malaugurato intervento del demonio.. Un giorno, la madre decise di caricarselo in spalla e di portarlo con sé alla missione inglese per cui lavorava. Ogni giorno, per sei anni. E così il bambino che non aveva futuro impara a leggere, in thai e in inglese, e poi impara a scrivere, con i piedi invece che con le mani.  C’era una volta una donna che, circa 30 anni fa, mise al mondo una bambina e, dopo qualche tempo, scoprì che era celiaca. A quei tempi trovare il cibo senza glutine sembrava quasi un miraggio: lo vendevano soltanto in farmacia e a costi elevatissimi. Oggi, quella bambina è cresciuta e gli alimenti per celiaci li può trovare anche al supermercato a costi molto più accessibili. Il senza glutine, ormai, va quasi di moda.Due storie che in comune hanno una situazione di deficit fisico ma in entrambi i casi, è l’ambiente a fare la differenza. Perché quel villaggio che vedeva nella malformazione il segno del demonio e quella città dove solo le farmacie vendevano il cibo senza glutine sono due ambienti completamente diversi dalla missione inglese e dalla città odierna dove il senza glutine è ovunque. A parità di condizioni fisiche è l’ambiente che influisce e diventa barriera o facilitazione. Ma questo, cosa c’entra con la disabilità? La disabilità è il frutto dell’interazione (negativa) tra uomo e ambiente, tra un individuo con le sue condizioni di salute e tutta quella serie di fattori contestuali – ambientali (ambiente fisico, valori, politiche, sistemi sociali, servizi, ecc.) e personali (età, sesso, esperienze di vita, modelli di comportamento, ecc.) – in cui è immerso quotidianamente. La disabilità non si può definire come “un problema o una condizione che connota la singola persona”, la disabilità riguarda chiunque. E non solo perché alcuni la sperimentano tutti i giorni e altri la sperimentano solo in alcune fasi della propria vita, ma perché l’ambiente è tutto, l’ambiente siamo anche noi e, almeno una volta nella vita, sperimenteremo la condizione di essere ambiente barrierante o facilitante per qualcun altro.”
da una riflessione di:CERPA Italia Onlus

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.