Due anni di aggregazione

Una grande festa quella che si è tenuta mercoledì scorso al Centro di Aggregazione Anziani di San Daniele in occasione dell’anniversario del secondo anno di attività del centro. Un’ occasione straordinaria di gioia e confronto, un pomeriggio a ritmo di polka e valzer viennese grazie ai scintillanti ballerini della scuola di ballo “Oasi Danze” di Buja; ma anche l’opportunità di riflettere e confrontarsi sulle attività svolte dal Centro.
Prima fra tutte, la donazione fatta dai centri di aggregazione di San Daniele, Treppo e Madrisio a favore della popolazione etiope della missione dei padri Indiani di Goro; una piccola cittadina la cui popolazione vive di un’economia di sussistenza e il livello di istruzione è alquanto basso. Grazie alle donazioni, è stato realizzando il sogno di costruire un pollaio che garantisca ai bambini un’alimentazione equilibrata e varia e che permetta loro di consumare almeno un pasto al giorno. Ed è proprio a loro, a chi si trova a non avere garanzie per il suo domani, che i nonni dei Centri hanno pensato donando con fiducia ed altruismo. Hanno aperto il loro cuore, abbattendo frontiere e accorciando le distanze mentali e fisiche presenti fra i due Paesi. Durante la festa, i nostri nonni hanno visto, un po’ commossi, le foto dei bambini impegnati a studiare mentre una donna era intenta a cucinare per loro delle uova sode. Un pasto semplice ma che per loro ha un sapore più autentico e magico: quello della speranza dell’affrancazione.
I nonni dal cuore grande lo sanno che non c’è niente di più importante della libertà dal bisogno.
Con questa consapevolezza hanno festeggiato, si sono stretti di più, perché aiutare gli altri non significa dimenticare il tuo prossimo più stretto ma semplicemente moltiplicare l’amore, forza indistruttibile dell’universo.
Quindi in questi anni si sono aiutati con dedizione anche solo con l’ascolto e la presenza, si sono donati agli altri, a chi per età o per altre sue caratteristiche ha più bisogno di vicinanza. Un esempio chiaro e forte di cittadinanza attiva, di importante legame comunitario ma anche di elasticità nell’accogliere.
Alla festa c’è stato spazio anche per il gioco, fondamentale momento di socializzazione e divertimento anche grazie ai numerosi bambini che non hanno perso l’occasione di stare con i nonni. Insieme hanno giocato a tombola e fra i numerosi premi messi in palio tutti i partecipanti hanno ricevuto il regalo più prezioso: sentirsi accettati nonostante i propri difetti e limiti.
La lezione (inconsapevole ma autentica) di umanità dei nostri nonni è stata chiara e deve costituire il faro del nostro agire, perché l’amore può realmente cambiare la fisionomia del mondo sempre che siamo pronti a permetterglielo.
Elisa del Regno

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.