Elisa e il suo servizio civile

Sono Elisa Del Regno e sto facendo un anno di servizio civile presso il Mo.V.I. di San Daniele del Friuli.
Attraverso l’esperienza del servizio civile sto scoprendo la fitta rete di associazioni di volontariato presenti nel territorio, il cui merito (insieme agli scopi mirati per cui l’associazione stessa nasce) è quello di creare legami fra le persone, combattere quelle forme a volte acute di esclusione sociale.
Lunedì scorso sono stata per la prima volta alla Fondazione Valentino Pontello, onlus di Pers di Majano, che si occupa della riabilitazione e di una progressiva acquisizione di autonomia ed indipendenza di persone con disabilità psicofisica medio-lieve.
Non nascondo un minimo di tremore quando ho aperto la grande porta a vetri della struttura. Non ero molto sicura di riuscire a relazionarmi correttamente con gli utenti presenti. Il mio percorso formativo inoltre non mi aiutava; l’unica idea che mi veniva in mente su cosa avrei trovato era quella mutuata da Rainman, il film con Dustin Hoffman e nel quale l’attore interpreta un uomo autistico rinchiuso per anni in una clinica psichiatrica; lontano da una società poco pronta. Ero evidentemente fuori strada. Sono dunque entrata e l’immagine che ho avuto subito davanti è stata quella di un gruppo di persone sedute intorno ad un tavolo che parlano, si confrontano e si ascoltano. Sì, si ascoltano!. Mi hanno accolto e mi hanno garantito una sedia. Un ragazzo all’improvviso ha intonato una melodia mentre gli altri hanno continuato a parlare dei doni che ha portato loro Babbo Natale. Loro, i ragazzi più o meno giovani ospiti della Fondazione, non hanno né preclusione né diffidenza alcuna. Sono 39 in tutto e si vogliono bene come fossero parte di una famiglia allargata, aspettano i tempi di ciascuno e ascoltano con un sorriso innocente che hanno perso persino i bambini.
Finito lo scambio di esperienze natalizie si formano piccoli gruppi di lavoro. C’è chi si occupa di ritagliare le nuvole stampate sul cartoncino. “Si devono cambiare le decorazioni del soffitto con quelle invernali” mi spiega una donna ospite della struttura nelle ore diurne. Poi vengo presa per mano e mi accompagnano a visitare la struttura. C’è un laboratorio di tessitura, frequentato soprattutto da donne, dove scorrendo le dita su e giù per il telaio, si scopre l’armonia di cui il mondo ha tanto bisogno. Gli uomini sono invece occupati nell’assemblaggio e confezionamento per una nota azienda del mobile. C’è chi invece, favorendo una propria inclinazione, è impiegato in cucina e si occupa di apparecchiare e pulire.Il pomeriggio è passato velocemente, è ora di andare, a malincuore saluto chi. in poche ore, mi ha mostrato un mondo alternativo dove la costruzione del proprio sé è un processo lungo una vita e dove si trova spazio e tempo per ognuno. Mi giro un’ultima volta verso la stessa porta a vetri, ora amica, della mattina; con la speranza e l’impegno di tornare.

2 comments

  1. Cara Elisa hai scoperto un mondo molto particolare, che ti ha trasmesso sicuramente delle sensazioni veramente profonde. Buon proseguimento 👴🏻 Gpaolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.