I diritti delle persone con disabilità

Quali sono i TEMI della Dichiarazione ONU sui Diritti delle persone con disabilità, promulgata nel 2006 e ratificata il 24 febbraio 2009 dal parlamento italiano:
rispetto della DIGNITÀ della persona
rispetto delle DIFFERENZE
AUTODETERMINAZIONE (libertà di fare scelte)
sviluppo della CONSAPEVOLEZZA delle proprie CAPACITA’
diritto all’ISTRUZIONE
diritto al LAVORO
diritto all’INCLUSIONE SOCIALE
ACCESSO ai luoghi di interesse culturale e sociale ( teatri, cinema, monumenti).
Il GVC e il COD Il Mosaico da decenni si occupano dei diritti e dei bisogni delle persone con disabilità motoria ed intellettiva, ormai adulte, del nostro territorio.
Nelle nostre realtà tutto questo significa costruire CON le persone stesse un percorso di vita condiviso in cui ci sia una reale possibilità di vivere da protagonista e non solo da spettatore.
Significa adottare strumenti che aiutino anche le persone con ritardo intellettivo ad indagare le proprie preferenze, a scoprire le potenzialità individuali, ad esprimere i loro desideri.
Il quadro che emerge dalla fase iniziale di questa indagine è abbastanza positivo: le persone con D.I. che conosciamo sono, in genere, soddisfatte della loro Qualità di Vita: si sentono protette e curate dalle loro famiglie, vivono il loro impegno nei servizi territoriali ( centri diurni o S.I.L) come un vero e proprio lavoro che dà loro un RUOLO e le gratifica per l’opportunità di esprimere le abilità personali.
Praticano vari tipi di sport ( basket, nuoto, rugby,bocce),si esprimono nel canto,nella danza e nella recitazione; frequentano i luoghi di intrattenimento e di cultura.
ROVESCI
Sentono il bisogno di aver maggior spazio di scelta ( autodeterminazione) e vorrebbero più occasioni di partecipare alla vita sociale.
Le occasioni di svago sono garantite dai familiari o dai volontari del settore; poche le esperienze di vera inclusione come ad esempio far parte del gruppo dei camminatori “ Quelli della notte- Chei di Codroip” o andare a Messa con un conoscente o aiutare alla sagra del paese.
Qui si nota che il tema dell’ inclusione sociale è il più scottante e il più impegnativo nonché scambiato con il tema dell’integrazione sociale, intesa come processo che l’individuo fa per conoscere, apprendere e adottare i modelli di comportamento che gli permettono di essere accettato dalla società che lo accoglie. Capiamo che così una persona con deficit intellettivo sarebbe sempre emarginata ma se si inverte il punto di vista, mettendo al centro la persona (bambino,disabile,anziano,straniero)con i suoi bisogni e le sue aspirazioni la società deve necessariamente adottare dei canali di accoglienza.
Da questo consegue che una COMUNITÀ INCLUSIVA è un luogo in cui si FA SPAZIO anche alle persone con difficoltà e si ASCOLTANO i loro DESIDERI
Maria Cristina Ventura

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.