i miei primi passi nel servizio civile

A distanza di poco meno di 3 mesi dal suo inizio, vorrei fare il punto della situazione del mio servizio civile. Il primo giorno, come ogni volta che si inizia un nuovo percorso, ero fortemente spaventata. Del resto, il fatto di non essere friulana ma umbra, non mi ha permesso di avere chiaro fin da subito la forte capillarità delle associazioni presenti sul territorio. La formazione, adempimento prescritto anche dal contratto di servizio civile, mi ha fatto comprendere l’importanza e la significativa connessione esistente fra le associazioni.
Attraverso visite guidate alle diverse realtà associative ho potuto conoscere ed apprezzare l’impegno dei cittadini che si spendono per la comunità e per il prossimo.
Ho quindi conosciuto il modus operandi di 2 associazioni (la ‘Samaritan’ e ‘Il Mosaico’) e di una fondazione (la ‘Valentino Pontello’) che si occupano specificatamente di persone con disabilità psicofisica. L’insegnamento più importante che ho recepito da queste esperienze è la necessità di cambiare, almeno per quanto riguarda me stessa, la modalità di approccio a questa tipologia di problematica. Il pregiudizio che mi ha accompagnato all’inizio era che dovessi rispondere all’urgenza di sopperire alle mancanze strutturali e tecniche che sono proprie di queste persone. In realtà mi stava sfuggendo la relazione umana che naturalmente si instaura con gli ospiti di tali strutture. Con loro, infatti, la relazione diviene fin da subito personale e si muove sul binario della prossimità. Non era tanto ciò che io potevo fare concretamente nel sopperire alle loro mancanze (compito fra l’altro non richiesto in quanto necessitante di una professionalità e competenza propria del professionista del settore) ma ciò che attraverso la comunione potevo fare per loro dal punto di vista emotivo. La cosa più sorprendente è che la relazione che ho instaurato con loro ha fatto bene anche a me stessa. L’urgenza, quella vera, è solo quella di evitare l’isolamento sociale di alcune persone e di creare un comunità capace di accogliere e che quindi diventi più forte perché più coesa.
In questi primi mesi ho conosciuto e visitato anche associazioni culturali in particolare l’associazione “Vivi il Museo” di San Daniele e l’associazione “Amici dell’Hospitale di San Giovanni” a San Tomaso di Majano.
Devo ammettere che tali realtà mi sono rimaste più dentro. E’ infatti difficile e frustrante portare avanti un progetto culturale e di promozione di luoghi soprattutto storici in un mondo che cerca altro e che ha perso interesse per ogni cosa che non sia digitale e di facile e veloce comprensione. L’impegno che si richiede in tal senso è triplo rispetto ad altre realtà. La forza di non mollare è fonte di ammirazione. L’impegno di resistere in questo mondo che ha il mito della velocità e della produttività è sorprendente. Abbattere il pregiudizio che serpeggia circa la natura dei luoghi culturali che li vuole noiosi ed anacronistici è un dovere di tutti. Riscoprire se stessi attraverso la propria storia ci rende più fiduciosi verso un futuro sempre più incerto. Io ci credo realmente.
Molto istruttive sono state anche le visite ad associazioni di stampo ambientalistico.
L’associazione ‘Favolorto’, con il suo ettaro e mezzo di terra dedicato alla coltivazione naturale, prende spunto dall’agricoltura sinergica e biodinamica.
Mi ha fatto bene riprendere contatto con la terra, capirne i tempi e vedere il risultato concreto di questo duro ma gratificante lavoro.
In tale piacevole riscoperta e bisogno di tempi naturali, ho avuto anche il piacere di incontrare degli asinelli, vere star dell’Associazione Amici di Totò. Ammetto che sono animalista e vegetariana, di conseguenza ho un rapporto più intimo con gli animali. Sono loro, infatti, che mi fanno stare bene e mi insegnano, loro malgrado, molto sul genere umano e sull’essere animali. L’associazione Amici di Totò si occupa di creare una relazione significativa fra l’uomo e l’asino, nella consapevolezza dell’importanza che tale rapporto riveste; soprattutto per persone con problematiche psicofisiche. Non mi sarei mai aspettata un’esperienza così formativa. Il voto al mio servizio civile? Un bel 9!

Elisa Del Regno

One comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.