Il contributo del volontariato italiano in Europa

Movità 11-2011 del 27 aprile

Si fa presto a dire volontariato in Europa! Ma intendiamo tutti la stessa cosa? La conferenza Europea di Venezia, che ha aperto l’anno Europeo del Volontariato, ci ha permesso di incontrare e conoscere esperienze di altri paesi e di capire che se per certe cose siamo molto vicini (il riferimento forte ai diritti della persona, l’idea di promozione e inclusione, le stesse difficoltà con le giovani generazioni e nei rapporti con le istituzioni) dall’altra proveniamo da percorsi differenti e abbiamo alcune specificità tutte italiane. L’Italia è uno dei pochi paesi dove con una legge è stato riconosciuto un soggetto esclusivamente di “volontariato”: le nostre OdV, organizzazioni di volontariato. Negli altri paesi i volontari operano dentro grosse organizzazioni del “no-profit”, enti assistenziali privati, chiese, senza una loro forma associativa specifica, inquadrati spesso in strutture gerarchiche, a volte con riconoscimenti di titoli o altri benefici in cambio dell’impegno di solidarietà.

Questa nostra  specificità ha come radice una scelta di gratuità e forte autonomia dalle istituzioni e dalle imprese, verso le quali ci immaginiamo non contrapposti ma complementari. Collegato a questo la scelta della rigorosa democraticità delle associazioni di volontariato italiane dove i volontari insieme decidono e condividono scelte e responsabilità.

La redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.