Il CSV che abbiamo voluto!

E’ passato un pò di tempo da quel lontano primo giorno di primavera del 2013  quando il MoVI FVG, insieme ad altre 36 associazioni, lanciò, con il documento “Il Csv che vogliamo”, una stagione di ripensamento degli strumenti a disposizione del volontariato organizzato della regione.

Il sistema di governance del variegato mondo del volontariato è composto dal Comitato Regionale Volontariato (ex Legge Regionale), dal Comitato di Gestione del Fondo  (ex LG 266/91) e dal Centro Servizi Volontariato. Sappiamo tutti che da quella lontana primavera abbiamo avuto una nuova Legge Regionale (LR nr. 23/2012), un nuovo CSV in FVG (2015) e la recente riforma del Terzo Settore (LG nr.106/2016 e succ. Decreti attuativi) che hanno/stanno modificando i rapporti (anche) del nostro mondo con le pubbliche Istituzioni. Non con i bisogni della gente, i progetti ed i sogni di cambiamento che abbiamo!

Il documento “Il CSV che vogliamo” delineava in 10 punti il nuovo CSV. Vediamo, uno per uno con lo stesso ordine del documento di quattro anni fa, che cosa è avvenuto in questo periodo di tempo:

  1. AGENTE DI SVILUPPO LOCALE SOCIALE, CAPACE DI SOSTENERE E PROMUOVERE RETI E PROGETTI DEL VOLONTARIATO: “un CSV capace di far crescere reti e relazioni di fiducia e collaborazione tra i soggetti del territorio” così abbiamo immaginato la mission del nuovo CSV. Ci pare che la scelta di operare per Coordinamenti di Ambito (CTA) territoriale vada esattamente in tale direzione. Certo, siamo solo all’inizio. La rete e, soprattutto, la fiducia sono esiti (non sempre scontati!) di un lavoro lungo fra soggetti, che necessità di tempo e di spazi per la conoscenza reciproca, la stima e la valorizzazione dell’azione dell’altro, la condivisione di esperienze concrete.
  2. A SERVIZIO DEL VOLONTARIATO ORGANIZZATO:un CSV partner del volontariato organizzato e di quello spontaneo ed informale, rispettoso dell’autonomia delle associazioni, compagno di strada e alleato, casa comune, piuttosto che solo fornitore di servizi”. E’ questa la modalità di presenza del CSV nei CTA che, al momento, si è tradotta con la messa a disposizione di un “facilitatore” di relazioni, di progettazione partecipata, di animazione. Questa modalità – secondo noi –deve essere ulteriormente incrementata anche qualificando e riqualificando in questa direzione le competenze professionali delle risorse umane del CSV.
  3. GESTORE DI SERVIZI EFFICACI, DI QUALITA’ E IN MIGLIORAMENTO CONTINUO: “un CSV che gestisce un pacchetto di servizi di qualità”. E’ costante l’impegno degli operatori (dipendenti e collaboratori del CSV) all’aggiornamento ed alla formazione personale. E’ forte comunque la necessità di rivedere l’offerta di servizi alla luce della “nuova mission” del CSVFVG  e della diminuzione delle risorse economiche  a disposizione.
  4. SOGGETTO QUALIFICATO A SOSTEGNO DEL SISTEMA REGIONALE DI GOVERNANCE DEL VOLONTARIATO ED INTERPRETE DELLE LINEE PROGRAMMATICHE DEL VOLONTARIATO DEL FVG: “un CSV che assuma come legittimazione del proprio operato gli indirizzi e le linee programmatiche espresse dal sistema regionale di governance… nella chiarezza e distinzione di ruoli e funzioni”. Molto è stato fatto e si sta facendo in questa direzione. Gli indirizzi programmatici del CSV deliberati dalla Assemblea dei suoi (circa 200) Soci, niente altro sono che la traduzione operativa delle scelte strategiche effettuate dalla Assemblea regionale di tutte (circa 1.500) le associazioni. Resistono ancora idee che sostengono che il CSV opera solo per i propri Soci: non è così! Resistono ancora posizioni che ritengono il CSV – unica struttura che ha soldi da spendere – “superiore ed indipendente” dagli altri organismi della governace: non deve essere così!
  5. DOTATO DI GOVERNANCE DEMOCRATICA E PARTECIPATA: “un CSV che assume le proprie decisioni attraverso un sistema sempre più democratico e trasparente e che rifugge da un assemblearismo pletorico e formale”. Lo Statuto del nuovo CSV ha disegnato un sistema di rappresentanza per delegati di Ambito che favorisce la presa di decisioni più partecipate. Certo, qualsiasi struttura si voglia dare alla rappresentanza, se non è sostenuta da una vera e diffusa partecipazione non può garantire alti livelli di democrazia interna. Su questo, crediamo, che come volontari dobbiamo decisamente migliorare.
  6. GESTITO DAL VOLONTARIATO E PARTECIPATO DAI VOLONTARI ANCHE NELLA REALIZZAZIONE DI SERVIZI E PROGETTI: “Un CSV che, per attuare i propri programmi, è capace di valorizzare le risorse presenti nelle stesse OdV e di finalizzarle ad obiettivi generali e comuni. Dove anche i servizi, ove possibile, sono gestiti dai volontari stessi”. Siamo agli inizi. L’attuale Consiglio Direttivo sta discutendo di ciò. In questo, servono da una parte (CSV) coerenza e sostenibilità delle trasformazioni e dall’altra (OdV) consapevolezza, condivisione e disponibilità ad operare oltre la propria associazione. La strada non può essere che questa, anche (ma non solo!) in forza delle risorse economiche che attualmente dispone il CSV (passate in pochi anni da 2.000.000 e 900.000 euro  annui nel 2018)
  7. DISTRIBUITO NEL TERRITORIO E PARTNER DEGLI ENTI LOCALI: “un CSV distribuito nel territorio, laddove i programmi di solidarietà si pensano, si progettano e si concretizzano. Dunque, tanti posti d’azione locali , non solo sportelli”. La scelta di far coincidere i CTA con le aggregazioni territoriali istituzionali (Ambiti Sociale e/o UTI) va in questa direzione. Fatta le scelta formale si tratta ora di dare, con pazienza e determinazione, un’anima ed una sostanza operativa ai CTA.
  8. TRASPARENTE NEI PROGRAMMI E NELLA GESTIONE DELLE RISORSE: “un CSV che rende conto dell’utilizzo delle risorse economiche che gli vengono messe a disposizione attraverso un audit sociale permanente perché presente, attivo, trasparente nei territori”. Anche questo punto troverà sempre maggior attuazione man mano che matureranno e cresceranno i CTA. Per il momento, uno sforzo viene fatto attraverso una maggior trasparenza delle decisioni rese pubbliche e fruibili nel sito del CSV.
  9. UN’UNICA ORGANIZZAZIONE REGIONALE CON “MANDATI” DI CINQUE ANNI: “ Pare più opportuno garantire al CSV un mandato di cinque anni (anziché di tre) ed avere così la possibilità di valutare gli effetti e non solo le intenzionalità progettuali ed operative”. Punto che non ha trovato attuazione nelle norme nazionali e regionali. Bisognerà ritornarci sopra, magari in sede di applicazione della cd. “riforma del Terzo Settore”.
  10. IN RETE CON ANALOGHE STRUTTURE NAZIONALI ED INTERNAZIONALI: “un CSV capace di valorizzare le competenze e le risorse disponibili nella rete dei Centri Servizi italiani… per far crescere l”Europa dei volontari e dei cittadini”. L’attuale Dirigenza del CSV ha intrapreso iniziative in tale senso sia a livello nazionale (CSVnet) che locale (Atelier Europa della Fondazione WELL FARE PORDENONE)

Un primo bilancio si potrà/dovrà fare insieme nel 2019 a distanza di quattro anni dall’avvio del nuovo CSV (novembre 2015) dando …tempo al tempo!

Anche se noi del MOVI continuiamo a…. sognare una società che non abbia più bisogno di volontari, perché interamente costituita da cittadini attivi, solidali, attenti al bene ed alla felicità di tutti e di ciascuno!

Dino Del Savio

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.