il peso delle parole

L’italiano è una lingua così vasta, piena di vocaboli e concetti, eppure tendiamo a descrivere delle situazioni diverse con la stessa parola.
Vi faccio un esempio concreto: la parola DISABILE ancora tutt’oggi viene utilizzata per generalizzare coloro che hanno qualcosa di diverso da ciò che viene ritenuto normale. Dietro questa parola ci sono migliaia di PERSONE che hanno caratteristiche diverse, storie diverse e che noi puntualmente riteniamo uguali, una persona cieca verrà considerata “disabile” esattamente come una persona senza una gamba.
Loro non sono DISABILI, HANDICAPPATI o DIVERSAMENTE ABILI. Loro sono PERSONE con disabilità. Dovremmo imparare a usare correttamente le parole.
Loro sono persone con dei diritti e questa loro caratteristica non è stata una scelta.
Noi, purtroppo, abbiamo quel brutto vizio di utilizzare termini di cui non sappiamo nemmeno il vero significato. Esempio, sai la differenza tra integrazione e inclusione?
Apparentemente sembrano due termini uguali che possono essere utilizzati in maniera interscambiabile ma non è così.
INTEGRAZIONE è l’inserimento delle risorse per conseguire il raggiungimento di risultati nell’ambito sociale e della comunicazione; mentre l’INCLUSIONE è un’attività che ha come obbiettivo principale il superamento reale ed efficace delle barriere create con queste persone.
Ora pensateci e rispondete a questa semplice domanda. Secondo voi esiste l’inclusione verso le persone con disabilità?
Scrivici il tuo pensiero!
Noi abbiamo avuto la fortuna di vivere un pomeriggio in questa realtà e abbiamo immortalato il momento. Eccoci qua, tutte insieme per confrontarci!
Desiree Cesarano

One comment

  1. No purtroppo non esiste l’inclusione, la barriere cotinuano ad esistere, singoli individui vengono accettati “quasi” come uguali, ma di base, purtoppo, chi ha delle limitazioni fisiche o psichiche è un diverso e non viene fatto alcuno sforzo per aiutare queste persone a superare quei limiti. Non parlo in astratto ma mi riferisco ad un caso ben preciso di insegnante non vedente che colleghi e alunni non supportano minimamente.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.