il razzismo spiegato a mio figlio

Ci vorrebbe un eroe. Anzi, no meglio un super-eroe, di quelli col mantello, che volano via e ti portano dietro con sé. E che farebbe questo super eroe? Beh, alla fine salverebbe tutti. La salvezza è la spinta propulsiva di tutti i processi migratori. La salvezza è un processo naturale e innato come le migrazioni: migri per cercare l’acqua, il cibo, un ambiente migliore. In sostanza migri per salvarti la vita. A sei anni si può spiegare il razzismo a un bambino, perché anche un bambino conosce la paura e l’importanza di mettersi al riparo. Lo si può spiegare quando il razzismo bussa alla porta accanto, proprio a due passi da casa tua, e si traduce in una manifestazione preventiva di razzismo e intolleranza. Preventiva perché a manifestare per l’arrivo di alcuni richiedenti asilo nel comune di Fiumicino, sono stati un gruppo di persone contrarie alla loro presenza, prima ancora che i profughi stessi arrivassero, prima ancora di conoscerli, di sapere chi fossero. Prima ancora di aver fatto nulla, se non fuggire dalla fame, dalle guerre e dalle miserie.
Sono in tanti, parlano un’altra lingua ma presto capiranno anche la nostra. Hanno percorso mille miglia, attraversato mari e deserti, con le scarpe rotte e le borracce in mano. Tutto a piedi? Spesso su un gommone, passando da un mezzo all’atro. Ma soprattutto a piedi, lungo le rotte che portano verso la libertà. Hanno trovato alloggi di fortuna, dormito in una tenda o sotto al cielo. Alcuni erano piccoli, altri sono nati sotto le stelle. E qualcuno li ha aiutati? Qualcuno sì, perché nel loro paese stavano male. Male di che? Non avevano una casa e da mangiare, niente e nessuno con cui giocare, nulla per curarsi o per studiare. Non avevano più una piazza, un parco o una scuola. Alcuni non l’hanno mai avuti. E noi cosa possiamo fare? Beh, per prima cosa conoscerli ad esempio, accoglierli, ascoltarli. Ah, ho capito, potremmo fare amicizia. Certo, fare amicizia non è male, l’amicizia è una bella cosa. Tutto qui? No, non basta, ma per te che sei piccolo è buon inizio. Perché dall’amicizia passa la conoscenza, e la conoscenza è l’unico modo per combattere il razzismo. Cos’è il razzismo? Il razzismo è molte cose, è ad esempio non avere la capacità di capire perché si fugge, non saper accogliere. Il razzismo è non riuscire a volare alto, sopra il male che vince sul bene, come anche Batman saprebbe fare. Ho capito, eppure è tanto semplice, se non c’è da mangiare, da bere e da giocare, anche io cercherei un posto altrove.
Manuela Campitelli

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.