il servizio civile universale visto dai giovani siciliani

Testimonianza di Alessia Giunta, volontaria nel progetto di Servizio Civile del MoVI “Equa Domus Sicilia”, scritta dopo l’esperienza del corso di formazione generale, svolto a Caltanissetta, presso la Casa delle culture e del volontariato, nei giorni 17-19 aprile 2018.
“Se il Decreto legislativo n.40 del 2017 definisce chiaramente la finalità del Servizio Civile Universale (“la difesa non armata e nonviolenta della Patria, l’educazione, la pace tra i popoli, nonché la promozione dei valori fondativi della Repubblica”), l’esperienza dell’incontro vissuta dai giovani del Servizio Civile del Mo.V.I. Sicilia potrebbe forse aggiungere qualcosa in più al suddetto decreto. Durante le tre giornate formative e informative, svoltesi a Caltanissetta il 17, il 18 e il 19 aprile 2018, otto ragazzi provenienti da Gela, Mazara del Vallo e Caltanissetta hanno fatto esperienza di fare ed essere comunità ancor prima che gruppo. Al fine di perseguire l’obiettivo esposto in testa, è risultato infatti necessario essere anzitutto comunità dove l’altro, necessariamente diverso da me, deve essere accolto, promosso, valorizzato. Essere comunità significa prendersi cura dell’altro facendo emergere le qualità del singolo a sostegno del progetto dell’intero gruppo; significa saper lavorare insieme maturando lentamente la capacità di gestire gli inevitabili conflitti; significa condividere e far rispettare delle regole necessarie alla sopravvivenza e al benessere della comunità; significa saper revisionare e avanzare critiche costruttive per la crescita del gruppo; significa saper guardare oltre progettando efficaci interventi futuri; significa anche, ma non per ultimo, condividere momenti di svago e di ilarità. Le giornate formative, guidate e organizzate in maniera efficace, sono state utili a far maturare questo senso di comunità negli ragazzi che per la prima volta si incontravano e riunivano. A conclusione delle tre giornate e a conferma dell’efficacia degli incontri, i giovani hanno sentito la necessità di mantenere i rapporti non con i singoli ma con l’intera “comunità” creando, per esempio, il gruppo whatsapp e raccomandando la presenza al prossimo evento “comunitario”!
Alessia Giunta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.