In scena l’Italia che fa bene

Più che un politico lo diresti una rockstar, una madonna pellegrina, comunque qualcosa che catalizza folla. E anche qui a Lucca, al Festival del Volontariato, il festival «dell’Italia che fa bene», come hanno detto, non si è smentito. Folla ovunque, dentro la gigantesca chiesa-auditorium di San Francesco da poco restituita alla città, e tifo da stadio per un premier come Matteo Renzi che, non solo stimolava quel mondo annunciando di essere «pronto in un mese ad approvare un progetto di disegno di legge delega sul volontariato», ma prospettando una serie di interventi per cambiare l’Italia nel segno della trasparenza e dell’efficienza. Come quello di mettere on line i bilanci dei partiti e di tutte le associazioni che accedono ai contributi pubblici («Conoscerete ogni centesimo di spesa pubblica e questo frenerà più di ogni altra cosa gli sprechi») o di riformare i regolamenti parlamentari «per uscire dalla palude e dalla sabbie mobili» e avere finalmente leggi sprint. Un’Italia modellata su quel sentire che è comune a chi fa volontariato: «Perché fuori dai palazzi del potere c’è un’Italia viva, bella. O la tiriamo fuori o abbiamo perso la sfida». Si Matteo Renzi, l’ex boy scout che s’è fatto premier, da sempre prende forza dal contatto con gente. Figurarsi quando, come ieri, è fra la «sua» gente, ovvero quel mondo di volontari, dalle Misericordie alle Pubbliche Assistenze e alla Protezione civile, che si ritrova insieme una volta all’anno a Lucca e ieri è accorso numeroso a sentire il neo capo del governo. Un discorso, come sempre quelli di Renzi, intercalato da gag, battute, ironie («Scommetto che state soffrendo per l’abolizione del Cnel!»), che è stato ancora una volta un inno alla necessità del cambiamento. Cambia perfino la destra britannica («La Thatcher diceva: “La società non esiste” e ora parlano di “Big society»), dice Matteo il rottamatore, davvero anche l’Italia non può cambiare? E dunque basta con le municipalizzate «che non hanno al centro i cittadini ma servono solo come rifugio di politici trombati». Basta con l’egoismo e il cinismo della politica, «che le nostre città, come ricordava un vecchio capo guardia della Misericordia di Firenze, sono nate sull’attenzione agli ultimi prima ancora che alla bellezza». «Anche per colpa del racconto che ha fatto la politica — ha concluso — l’Italia di questi ultimi anni è raggrinzita. Il grande valore che vogliamo dare al nostro lavoro è che c’è già un’Italia che funziona, bisogna soltanto aprirle la porta». Applausi, entusiasmo alle stelle. Così Renzi.
MA IL FESTIVAL del Volontariato è stato mini passerella anche per altri politici. Qui, ad esempio, è venuta l’altro ieri la presidente della Camera Laura Boldrini: «Mi sento a casa, perché anch’io vengo da una storia di volontariato internazionale», ha detto alla settantina di persone che era venuto ad ascoltarla. Poi, custodita da tre auto di scorta, se n’è andata, dando buca ad alcune personalità cittadine che l’attendevano, come da programma, per un brindisi nel neo restaurato complesso di San Francesco. «Ci dispiace, ma ha avuto un problema alla caviglia», facevano sapere dal suo staff.
Ieri, invece, prima di Renzi, era stata la volta del ministro del lavoro Giuliano Poletti: «Bisogna cambiare alla radice l’impianto del contratto di lavoro puntando sulla collaborazione e sulla condivisione — ha detto ai margini di un dibattito riscuotendo applausi — Oggi vi chiedo di trovare un nesso in quel contratto fra il lavoratore e il risultato che deve produrre. Per questo, bisogna cambiare alla radice l’impianto, cambiare la testa del lavoratore e dell’imprenditore». Ciò mentre in una piazza vicina un gruppo di studenti del movimento, insieme ai cobas della scuola, contestava il tutto all’insegna dello slogan: «Il volontariato è una maschera del precariato», srotolando anche un striscione dalla Torre delle ore «No jobs act». L’Italia dello scontro infinito. Con o senza volontariato.

fonte “volontariato oggi”

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.