Io sto con i rom

Vergognose e inaccettabili. Tali sono le parole del ministro dell’Interno Salvini sui rom. Testualmente: “Faremo un censimento. Gli irregolari saranno espulsi. Ma i rom italiani purtroppo te li devi tenere in casa”. Si badi, sono state pronunciate dal ministro dell’Interno, cioè da colui che dovrebbe garantire la sicurezza e l’ordine pubblico del nostro Paese, partendo dalla convivenza civile. Sono parole che evocano tragedie del secolo scorso, dalle pulizie etniche al fascismo e al nazismo, che sembravano ormai far parte della storia. Invece rieccole. In tutta la loro violenza e gravità. Quell’inciso “i rom italiani purtroppo te li devi tenere in casa”, quel “purtroppo”, dovrebbero essere immediatamente smentiti e cancellati. Se sono veri e se io fossi un parlamentare chiederei ad horas che il ministro dell’Interno ne venisse a rispondere immediatamente davanti alle Camere. E immagino, in questo momento, la preoccupazione del presidente della Repubblica Sergio Mattarella.
Mi chiedo come il giurista Giuseppe Conte, il neo premier, possa accettarle e non richiamare Salvini al rispetto della Costituzione e dei suoi articoli. Non basta, caro Conte, parlare di Costituzione nei discorsi ufficiali alla Camera e al Senato, bisogna praticare la Costituzione ogni giorno, se essa fa parte del nostro vero Dna.
Dopo Aquarius e il blocco dei porti, l’idea del censimento dei rom è solo un invito alla caccia all’uomo. Perché Salvini non chiede di censire gli uomini e le donne con i capelli biondi, o quelli con il naso troppo lungo, o con gli occhi azzurri? E perché non ha palesato queste stesse idee in campagna elettorale? E soprattutto: ha parlato di queste sue idee quando si discuteva del contratto di programma al tavolo con M5S? Oppure quel contratto è solo carta straccia? Ancora una volta siamo di fronte a un proclama che divide il Paese, che non rispetta le minoranze, che agita la pancia più violenta di quanti vorrebbero un’Italia chiusa a ogni presenza straniera. Cosa succederà domani nelle scuole dove siedono bambini rom accanto agli italiani? Come saranno guardati questi ragazzi? Come l’oggetto di un censimento in corso? Cosa aspettano i ministri M5S a richiamare Salvini all’ordine? Naturalmente se non la pensano come lui
Liana Milella

2 comments

  1. Perché non censisce gli evasori fiscali cui vuole regalare un bel condono?
    Invece di far rispettare le regole è più facile fare di tutta l’erba un bel fascio e trovare l’uomo nero colpevole di tutto.
    Lo sa il Ministro che i migranti ci costano circa 50 euro all’anno a testa, i furti negli appartamenti circa 20 €, l’evasione fiscale (accertata) circa 300 € e la corruzione almeno 1000 euro a testa all’anno?
    Si preoccupi dunque di fa davvero danno a noi italiani.

  2. Sicuramente il responsabile di un ministero deve pesare quello che dichiara. Però trovo opportuno che anche gli italiani ” rom ” si adeguino al modo di vivere della popolazione con cui condividono territorio e costumi. Dopo che ci siano anche altri problemi: migranti, evasione fiscale, furti, rapine ecc. cominciamo a prenderne per mano almeno uno alla volta e risolvere. Mi sembra che in tutto ciò che dobbiamo risolvere la soluzione sia solo POLEMICHE senza nessuna conclusione. Forse X questo vediamo una rivoluzione della cultura politica. Gpz

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.