La grande diga Gilgel Gibe III – il suo impatto

La diga è in funzione dal 2015 dopo nove anni di lavori; è stata molto contestata dalle ONG e dai critici preoccupati per le conseguenze che avrebbe avuto sulle quasi 200 mila persone appartenenti ai diversi gruppi etnici della zona. Molti dipendono infatti dal fiume Omo, che nasce nell’altopiano centrale e sfocia nel Lago Turkana al confine con il Kenya, e dalla valle che attraversa e a cui dà il nome: per il pesce delle sue acque o per i pascoli e i raccolti nei terreni resi fertili dalle esondazioni del fiume.
Il fotografo italiano Fausto Podavini è stato premiato con il secondo posto nella categoria dei progetti a lungo termine del World Press Photo per il suo lavoro Omo Change, che mostra l’impatto sulle popolazioni locali della grande diga Gilgel Gibe III, costruita dalla ditta italiana Salini Impregilo nella Valle dell’Omo, in Etiopia.
Podavini è nato nel 1973 a Roma, dove vive e lavora. Nel 2013 aveva vinto il primo premio nella sezione Daily Life del World Press Photo con un progetto sull’Alzheimer.Nella foto dell’editoriale il fotografo ha ripreso bambini Indigeni Karo che giocano nella sabbia sulle rive del fiume Omo in Etiopia. La gente di Karo dipendono interamente dal fiume per il cibo: sia per i pesci e le piante coltivate in terreno fertile dell’inondazione. La foresta sullo sfondo era ha eliminata per far posto a piantagioni di cotone commerciale. L’Etiopia è nel bel mezzo di un boom economico, con una crescita media del 10,5 per cento un anno — doppio della media regionale. Uno dei settori più colpiti da questo è la valle dell’Omo, un’area di straordinaria biodiversità lungo il corso del fiume Omo, che sorge negli altopiani centrali Shewan e sfocia nel lago Turkana, al confine con il Kenya. Circa 200.000 persone di otto diverse etnie vivono nella valle di Omo, con un altro 300.000 intorno lago Turkana in Kenya. Molti fanno affidamento sul fiume per la loro sicurezza alimentare: il pesce nel fiume e nel lago e sulle colture e pascoli coltivati nel terreno fertile depositato dalle annuale inondazioni naturali. Gibe III Dam — a 243 metri la più alta in Africa e generando alcune 1.800 MW di energia idroelettrica — è stato costruito con un duplice scopo: fornire energia per l’economia in forte espansione e per l’esportazione e di consegnare un’irrigazione complessa per lo sviluppo agricolo di alto valore. E ‘ stato anche detto che la diga sarebbe diventato un’attrazione turistica, di beneficio socio-economico.
I governi sia etiope e keniano supportano la diga e hanno contestato le affermazioni di un negativo impatto ambientale, ma critici puntano a tali effetti negativi come la cessazione delle inondazioni naturali, la biodiversità, i livelli di acqua caduta nel lago Turkana, in diminuzione e la spostamento di popoli tradizionali che hanno vissuto per secoli in un delicato equilibrio con l’ambiente. Il fotografo visitato la valle di Omo durante gli ultimi anni della costruzione della diga, con l’obiettivo di produrre una meditazione su come importanti investimenti possono comunque mettere l’equilibrio uomo-ambiente a rischio, e su come le modifiche provocate dalla presenza di queste grandi quantità di denaro perturbare equilibri esistenti.tratto da Il Post

Fausto  Podavini

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.