LA POVERTÀ È UNO SCANDALO E DEVE FINIRE

Movità 32-2010 del23 settembre

Un abitante su cinque è un anziano o un bambino, uno su due è disoccupato, quasi 80 milioni di abitanti dell’Unione europea sono a rischio povertà, mentre 23 milioni vivono con meno di dieci euro al giorno. Questi alcuni dei dati su cuì si è ragionato a Trieste, dal 16 al 18 settembre, in occasione della Conferenza internazionale organizzata dalla Caritas diocesana di Trieste, in collaborazione con Caritas Europa.

Molte le voci, nel convegno, hanno detto che la povertà è uno scandalo e deve finire. Così don Livio Corazza del servizio Europa della Caritas italiana: «L’obiettivo povertà zero può sembrare un sogno ma dobbiamo tentare di raggiungerlo, perché queste convinzioni non restino chiuse in questo
dibattito. L’Europa gioca un ruolo fondamentale, ma esiste l’Europa se ci sono 80 milioni di poveri?
I primi responsabili sono i governi nazionali, occorre fare uno sforzo di promozione delle politiche
legate al lavoro, alla famiglia e al welfare. I politici vedono mille altre cose ma non la povertà».
Come uscirne? «Le differenze sono sempre più grandi – ha affermato l’europarlamentare
sloveno Lojze Peterle: per questo bisogna dare una risposta politica. L’Europa attraversa una crisi
profonda, dobbiamo riuscire a trasformare il concetto di solidarietà. Gli Stati che entreranno a far
parte dell’Ue non avranno gli stessi benefici che hanno avuto gli altri».
La persona deve essere al centro, ha detto invece il vicepresidente della Commissione europea
Antonio Tajani, tracciando assieme al vescovo Giampaolo Crepaldi le conclusioni dell’incontro: «La
Commissione – così Tajani – ha inserito nel dibattito politico-programmatico l’abbattimento della
povertà. Ridurla significa restituire la libertà ai cittadini europei». «La questione della povertà in
Europa – ha detto Crepaldi – si inserisce nella più complessa questione della crisi economica. Se si
vuole combattere la povertà non si deve abbassare il tasso di solidarietà, di coscienza e di capacità
di vedere l’altro. Con l’egoismo non si va da nessuna parte».

Per approfondire visita il sito della Caritas di Trieste

La redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.