La scuola secondo me

Il desiderio del conoscere aumenta crescendo, capendo che nonostante le infinite pagine da studiare, le innumerevoli esercitazioni per casa che l’apprendere è la prerogativa di chi vuole lasciare un pezzettino di sé stesso a questo mondo. Che sia per dimostrare agli altri di essere all’altezza in qualcosa in cui crediamo o per gratificazione personale: lo studio, l’impegno e la costanza ripagheranno sempre in qualche modo. Raramente credo che i fanciulli nascano con la voglia di andare a scuola. Alcuni ci vanno volentieri solo per vedersi con i propri amici e in ciò non c’è nulla di sbagliato perché la scuola è luogo di convivenza, allenamento alla vita che ci aspetterà fuori da quelle mura che in un certo senso ci proteggono. Esse proteggono la nostra mente dalle sofferenze, ci danno un alibi per pensare meno ai nostri problemi, una via di fuga magari pensando ai quadri di
Botticelli, Klimt, Salvador Dalì. Forse sto idealizzando troppo la mia scuola, ma per me è stato
così. Trascorrere i miei primi anni di vita in un paese economicamente povero come il Nepal ha fatto crescere in me un forte desiderio di rivincita.Ricordo bene di essere stata la secondogenita femmina, mai troppo prediletta dalla mia famiglia. Mio fratello maggiore invece era colui che avrebbe mandato in avanti il nostro cognome, colui che aveva il privilegio di poter andare a scuola e un giorno di diventare qualcuno di affermato. Io invece dovevo badare la sorellina a casa. Mi piaceva prendermi cura di lei, ma sognavo anche di avere la mia parte nel mondo.Lasciate entrambe in orfanotrofio è iniziato il periodo della mia vita in cui sono dovuta crescere il più in fretta possibile perchè in un
posto del genere non puoi permetterti di essere bambina. Devi essere capace di prenderti cura di te da sola, imparare a vestirti,legarti i capelli, andare in bagno la notte con il buio tra i lunghi corridoi dei vari piani dell’edificio. È però anche lì che per la prima volta sono potuta andare a scuola. Entrare in quella piccola stanza con la lavagnetta, i gessi colorati, la mouquet per terra e quel balcone che si apriva verso quel boschetto per me non c’era cosa più bella. Amavo la mia divisa: aveva la camicia bianca, la cravatta rossa, la gonna grigia, i calzetti bianchi e pure le scarpe nere lucide. Tutto pulito e profumato. Mi sentivo proprio grande. Nonostante avessi solo cinque anni sapevo che c’erano bambini più fortunati di me che avevano la vita che volevo.Quando sono arrivata in Italia ho avuto tanta difficoltà a capire come comportarmi perchè ero indipendente e ribelle ed essere trattata come una bambina di sei anni mi faceva sentire sminuita.Fortunatamente ho trovato due genitori che innanzitutto mi hanno amata da subito e mi hanno fatta sentire accettata, voluta.
Il mio amore per il sapere mi ha fatto imparare facilmente la lingua e con ciò mi sono integrata velocemente con i miei coetanei. Ora sono ormai grande e sto per iniziare l’Accademia di Belle Arti a Udine. Non potrei essere più felice perchè mi rendo conto della fortuna che sto vivendo siccome mi sento l’artefice delle mie scelte. Con ciò auguro a tutti i ragazzi che stanno iniziando gli studi di
essere consapevoli del grande privilegio che hanno potendo ogni giorno decidere come vivere le proprie giornate perchè c’è chi invidia la vostra vita e farebbe di tutto per poter prendere il vostro posto. L’istruzione è l’unico mezzo per realizzare i sogni o almeno avvicinarsi a questi.
Buon inizio di scuola a tutti.
Babita Andreutti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.