La speranza è che il silenzio tra i bombardamenti duri il più a lungo possibile

Il racconto della giovane diffuso da Save the Children
Mentre le ostilità in Ucraina si intensificano e si moltiplicano ovunque, in Italia e nel mondo, le manifestazioni per chiedere l’immediata cessazione della guerra, Save the Children – l’Organizzazione che da oltre 100 anni lotta per salvare le bambine e i bambini a rischio e garantire loro un futuro – diffonde oggi la drammatica testimonianza audio di Anna*, una ragazza di 16 anni che vive nei pressi della contact line. “Gli ultimi giorni sono stati molto caotici, soprattutto il 24 febbraio. Ci siamo svegliati alle 5 del mattino a causa degli spari e delle esplosioni, all’inizio non avevamo neanche capito se stesse succedendo nel nostro villaggio o altrove.” ha dichiarato Anna, che già in precedenza era stata supportata da Save the Children. “Nel giro di mezz’ora, siamo stati informati che il bombardamento era cominciato in una città vicina. Ci hanno detto che gli abitanti erano stati evacuati in un rifugio antiaereo e che, per motivi di sicurezza, anche noi dovevamo fare lo stesso: nasconderci in seminterrati, rifugi o zone sicure della casa, perché c’era un’alta probabilità che il bombardamento colpisse il nostro villaggio. Questo orrore è durato dalle 5 alle 9 del mattino”, continua Anna. “Al momento la nostra speranza è che il silenzio duri il più a lungo possibile e che non ci siano altri bombardamenti”, conclude la ragazza. I bambini e i ragazzi in Ucraina hanno già vissuto otto anni di conflitto, e oggi si trovano nuovamente a subire violenza, i bombardamenti e la fuga dalle loro case, quello che sta accadendo è troppo grave. Ogni guerra è una guerra contro di loro. Bisogna fare ogni sforzo per trovare immediatamente una soluzione diplomatica e proteggerli da tutto questo.
CorriereTV

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.