La spesa alimentare oltre la crisi

Boom dei Gas (Gruppi di acquisto solidale): un vero boom  si sta registrando per le prenotazioni on line per acquisti di prossimità anche direttamente dal produttore a chilometri zero, che consentono di verificare direttamente le condizioni di produzione. Una operazione che  viene spesso fatta attraverso gruppi di acquisto, i cosiddetti Gas formati da condomini, colleghi, parenti o gruppi di amici che decidono di fare la spesa insieme per ottenere condizioni vantaggiose. Una opportunità offerta dalle iniziative di successo che sono state avviate anche nella rete dei punti vendita e dei mercati degli agricoltori di campagna amica. Un altro boom lo possiamo registrare dagli acquisti  di prodotti alimentari on line. Gli italiani hanno preferito fino ad ora usare internet per acquistare elettronica , assicurazioni , turismo e soprattutto per il tempo libero. Solo una piccola parte degli utenti della rete fa acquisti di prodotti alimentari in rete e risulta la percentuale più bassa dell’Unione Europea. La potenzialità di crescita è enorme vista la riduzione significativa del costo dei prodotti. Infatti la crisi non sembra compromettere la spesa alimentare degli italiani, almeno quella on-line. Un’analisi della Coldiretti, sulla base di uno studio Agriventure Campagna Amica, rivela infatti che nel 2013 gli italiani hanno acquistato in rete prodotti alimentari e bevande per un totale di 132 milioni, con un aumento del 18% rispetto all’anno precedente. I dati di mercato mettono in evidenza che – sottolinea la Coldiretti – in Italia solo il 9% degli utenti che fanno acquisti su internet comprano in ambito alimentare con un peso sul fatturato complessivo e-commerce intorno all’1,2% (la percentuale più bassa nell’Unione Europea), contro il dato della Gran Bretagna che sia attesta al 5,5% (il più alto nell’Unione Europea). Gli italiani hanno preferito fino ad ora usare internet per acquistare elettronica (5%), assicurazioni (6%), turismo (24%) e soprattutto per il tempo libero (57%). Il potenziale di crescita per il cibo in Italia è quindi enorme con oltre il 29% degli italiani che dichiara comunque di fare ricerche sul web per confrontare prezzi e caratteristiche dei cibi, secondo l’analisi Coldiretti/Censis. Si tratta di un numero non lontano dai 15 milioni di persone nel complesso e in particolare sono oltre 5,7 milioni a farlo regolarmente.

fonte L43 Local

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.