l’alcol non è un amico

Esistono vari problemi all’interno di una società, dall’aggressività alla droga. Oggi voglio parlarvi di una droga sottile, che apparentemente sembra innocua. L’ALCOL.
Si avete capito bene, l’alcol è una droga perché ha potere psicoattivo, dunque alterna il funzionamento del sistema nervoso centrale; da dipendenza sia psichica che fisica, perché la sua assenza provoca anche disturbi fisici; infine da’ anche assuefazione.
Oggi vi racconterò la storia di un signore che è riuscito ad uscire da questa .“Io sono Giorgio Floreani, da 29 anni sono nei programmi Alcolcorrelati dei club degli alcolisti in trattamento, e in questi anni, tramite le nostre 7 sedi a cui la sandanielese fa capo (Buja, Colloredo, Treppo grande, Majano, Ragogna, Forgaria e San Daniele), abbiamo avuto circa 1200 famiglie che sono passate nei nostri club per questi problemi. Sono molto numerose queste difficoltà, queste sofferenze nelle famiglie, però viene sottovalutata la gravità di questo. L’alcol, sappiamo è una sostanza tossica psico-attiva, l’alcol anidro non ha odore né sapore, però è psico-attiva lavora nel cervello, non a tutti. Questo è quello che purtroppo ha fatto questi danni in tutti questi centinaia di anni, non è solo da oggi. Comunque io faccio questo lavoro,sono ancora nei programmi nonostante la mia età, che non la dico (sussurrando ammette di aver appena compiuto 80 anni). Questo è quanto ho fatto e quanto facciamo noi come associazione dei club degli alcolisti in trattamento del Sandanielese.”
A che età ha iniziato ad abusare di alcool?
“Potrei rispondere come tutti, una volta era la normalità, andare fuori, prendere mezzo bicchiere perché molti anni fa non c’erano neanche tante possibilità economiche. Però dopo l’alcol, essendo una materia subdola, lascia un po’ alla volta, aumenti il consumo senza saperlo, e quando hai la fortuna di accorgerti, puoi rimediare. Qualcuno non ha la fortuna di potersi accorgere di questo e va in ospedale, incidente stradale, morti, ragazzi che vedete al gervasutta con la sedia a rotelle, questi sono i danni che provoca.”
Cosa lo ha spinto a farlo?
“Mah quando cominci a capire che non stai bene, che non stai bene in famiglia, non sei tu, sai che non sei tu, perché ciascuna persona che consuma sostanze psico-attive, sa che non dovrebbe, però non ne fa a meno. Però viene il momento in cui ha bisogno di fare “un giro” oppure si accorge che non può andare avanti così, perché naturalmente sapendo quello che è, però si stanca di stare male. Chi beve sta male, però sa comunque che consuma. Questo è il fatto.”
Come si sentiva in quei momenti?
“Io ho sempre lavorato, ero responsabile di attività commerciali, industriali, fra autisti eccetera, avevo circa una 50 di persone sotto di me. Tu lavori lo stesso, fai tutto lo stesso, però hai un richiamo dall’alcol, magari la sera quando hai finito di lavorare vai a fare un po’ di tappe, un giro insomma.
Potremmo fare una distinzione tra puro consumo di alcol (vino, birra, ecc.) e altri consumi correlati (psicofarmaci non prescritti dal medico, oppure altre droghe, quelle chiamate Illegali), l’alcol è una droga legale. Sia chiaro che è una droga, legale.”Ha avuto vicino qualcuno in quel momento?
“Diciamo che la famiglia è importantissima. La famiglia, se rimane nonostante questo periodo, se rimane l’amore e l’affetto, la moglie e i figli, è più facile. Se invece ci sono già dei contrasti, magari ci sono delle separazioni, è molto più complicato. Comunque la famiglia è il primo nucleo, la cosa più importante.”
Come si è reso conto di dover smettere?
“Come dicevo prima, ad un certo punto ti stanchi di dire bugie, fare stupidaggini. Ciascuno è consapevole di quello che fa ed è anche consapevole che dovrebbe fare qualche altra cosa, però non è sempre facile.”
A chi si è rivolto?
“Ho fatto un colloquio con il dottore dell’alcologia, e mi ha detto che ci sono i club. Sono entrato nel club, non ho avuto ne ricoveri ne niente, mi è andata molto bene. Dopodiché, comincia a vedere la vita con tutte queste famiglie nella tua stessa situazione.”
Se avesse la possibilità di tornare indietro nel tempo, cambierebbe qualcosa?
“No, perchè quando arrivi non te ne accorgi di arrivare, cioè, non c’è uno spartiacque fra un consumo, diciamo così, “intelligente” e sobrio, e l’oltre. Non sai quando arrivi, quando vai dall’altra parte non te ne accorgi. Quando vai dall’altra parte o smetti completamente oppure sei sempre come il cane che si mangia la coda, un giorno si, un giorno no e via dicendo, questo è ad esempio il caso di famiglia, perché molto spesso le sofferenze sono in famiglia.”
Cosa vuol dire a quelli che si trovano in una simile situazione?
“Che ci sono le strade per poterne uscire alla grande. C’è il centro di Alcologia qua a San Daniele, ci sono vari centri Sert in giro per tutto il Friuli. Bisogna avere, non il coraggio, la determinazione di voler cambiare modo di vivere. Non serve altro.”
E invece a noi giovani, che consigli si sente di dare?
“Come tutti i giovani, e lo dico perchè lo sono stato anche io, pensi di essere immortale, di poter decidere, poter fare quello che vuoi, voler provare. Indubbiamente tutti devono provare le varie cose per potersi sviluppare, dopo subentrano le scelte che uno fa. Uno continua fino a quando avrà l’incidente o starà male, qualcuno invece farà qualche festa, come è giusto, dopodichè rientra nella sua strada e riesce a capire. Più che consiglio, bisogna dire questo, sapere che le droghe sono psicoattive. Non parlo di danni fisici, quella è l’ultima cosa che può interessare. Parlo di danni psichici e psicologici.”
Come si sente ora?
“Benissimo, ad agosto saranno 29 anni che ho fatto questa scelta. Stiamo facendo quel corso di sensibilizzazione che sto portando avanti io, quindi direi che sto abbastanza bene. No?”
Ci racconti qualcosa, qualsiasi cosa:“Potrei dire che moltissimi giovani si avvicinano a questo mondo, però io dico che siano ancora troppo giovani per aver fatto una scelta definitiva. Stanno male, si avvicinano e poi tornano a scappare ma arriverà il momento. Qualcuno si rende conto che bisogna fare qualche cosa,abbiamo avuto tantissimi giovani e anche tante persone non giovanissime (50, 60 anni), che il pubblico (medici, alcologia, sert, csm ecc.) dicevano “Ma lì non c’è niente da fare”, e invece sono emerse delle persone inaspettate, persone con mille capacità, mille risorse. Per questo motivo, mai dire mai a nessuno. Nessuno è disgraziato e che comunque è un cammino che capita, ciascuno ha il proprio, però c’è la possibilità di uscirne vivi.”
Desirè

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.