L’importanza dei nonni

Nella vita di tutti noi, ci sono delle persone molto importanti che con calma e saggezza, ci accompagnano nei vari momenti della vita. Purtroppo non rimangono fino alla fine, ma sono persone che rimangono nel cuore di tutti, fino alla fine. I nonni sono quei secondi genitori, destinati a viziarti, a coccolarti e a starti accanto in ogni momento della vita. Scommetto che anche per te tuo nonno è il tuo migliore amico, quella persona a cui confidare tutto e quello con cui imparare divertendosi. I nonni sono i genitori dei nostri genitori, ma nonostante ciò ti difenderanno sempre; e sapete perché? Perché loro sono quelli che ti vedranno meno di tutti. Goditi i tuoi nonni finché puoi.
Per me la figura della nonna è tanto importante, e sapete perché?
Perché mia nonna è stata quella persona che mi ha sempre cresciuto fin da piccola, ha visto i miei primi passi, ha sentito la mia prima parola, giocava con me e studiava con me.
Prima era lei a prendersi cura di me: veniva a prendermi a scuola, mi faceva da mangiare, mi lavava…poi con il tempo io sono diventata sempre più grande e autonoma, tutte quelle mansioni che una volta lei faceva piano piano, le iniziavo a fare io. La mattina mi alzavo e la aiutavo a scendere dal letto, le preparavo la colazione e i vestiti da mettere, la aiutavo a camminare e le mettevo i suoi programmi preferiti in televisione.
Il tempo avanzava e io crescevo sempre di più mentre lei invece, più la guardavo e più diventava una creatura piccola e indifesa, fragile e piena di paure. Ci volevamo tanto bene. Sapete i nonni sono una parte fondamentale per tutti noi. Portano pazienza, ti insegnano a cavartela, hanno un’enorme cuore…poi beh si sa, non barare mai con i nonni che te ne penti per una settimana.
I nonni sono una figura, anzi la figura della vita. Nonostante siano di un’altra generazione, i valori e gli obiettivi della vita non cambiano, sono i nostri maestri di vita. Certo potrai essere anche un birichino, ma loro davanti ai genitori ti difenderanno, ma questo non toglie che anche i nonni ti sgridino e ti insegnino a migliorare e a non ripetere l’errore.
Un consiglio che posso darvi? Godetevi il tempo con i vostri nonni, perché purtroppo il tempo scorre e una volta terminato non potrà ritornarvi quello che avevate.

Desireè Cesarano

One comment

  1. Che bel racconto Desireè! Mi ha fatto ripensare ai miei nonni che ho perso …il nonno quando avevo 30 anni e la nonna che avevo 35 anni… Entrambe avevano 95 anni, il nonno del 1901 e la nonna del 1906, si sono sposati a Montenars un paesino di montagna della provincia di Udine, a dicembre del 1925 poi sono andati ad abitare ad Artegna il paese dello sposo, dove hanno vissuto fino alla fine dei loro giorni. L’anno prima del terremoto del 1976 avevamo festeggiato il loro cinquantesimo anniversario di matrimonio. Mi piaceva andarli a trovare la sera dopo cena, mangiavano presto, e quasi ogni sera facevano la polenta che accompagnava delle belle terrine di radicchio dove l’aglio mancava di rado, ed io adoravo mangiarmi gli angolini più piccoli delle fette di polenta tagliate con il filo partendo dalla croce…che buona quella polenta.
    Grazie del racconto
    Lucia R. originaria di Artegna ma ora vivo a Fagagna.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.