Essere Giovani donne ieri e oggi

La donna, che essere strano e indecifrabile. Forte e fragile allo stesso tempo, è capace di dare la vita, qualcosa di così prezioso. Dare la vita a qualcuno, per quanto possa essere faticoso e doloroso, è la cosa più bella. Non voglio scrivere un articolo femminista, ne tanto meno parlare della disparità di genere. Questa volta parlerò di qualcosa di diverso, qualcosa che si affronta forse troppo poco. L’importanza della donna nella storia e nella vita di tutti noi. Madre, sorella, nonna, zia, cugina, amica, fidanzata e la lista potrebbe continuare. Ora sembriamo così libere (purtroppo non dappertutto), felici e spensierate, lavoriamo, ci divertiamo, abbiamo una macchina e una casa, una famiglia e un’indipendenza che nessuno ci potrà togliere, si spera. Eppure non è sempre stata così.
Facciamo un grandissimo salto indietro nel tempo.
Antica Grecia, un periodo dove la donna era giuridicamente libera, ma non godeva di diritti politici. Come tutte le donne nella storia, la donna si occupava della famiglia e della casa (òikos). Rintanata tra le mura, svolgeva tutte le faccende domestiche. Filava, tesseva, organizzava il lavoro delle schiave e come ogni madre che si rispetti, cresceva la sua prole. Le uscite erano molto rare, solo nelle festività religiose e sempre accompagnate dalla loro fedelissima ancella. Come in ogni famiglia antica che si rispetti, il capo famiglia era il padre, che amministrava la dote della moglie ed esercitava il suo potere su tutta la famiglia. L’uomo che purtroppo non era stato scelto per amore, perché il matrimonio era altro. Era simbolo di unione, ma non amorosa, era più un’unione a scopo economico e politico. Scegliere l’amore della vita, non era concepito. Spostiamoci ora nell’Antico Egitto dove la donna godeva di uno status sociale pari a quello dell’uomo. Il suo ruolo all’interno della società era di vitale importanza e notevole rilevanza, qualunque fosse il suo livello (sacerdotessa, operaia, Regina…).
Il suo ruolo però, si contrapponeva a quello dell’uomo, non perché lei rappresentasse l’inferiorità, ma perché ognuno aveva le sue specifiche funzioni che avevano uno scopo comune: il giusto equilibrio. A differenza delle altre donne del passato, nell’antico Egitto avevano diritto all’educazione, tanto che le più brave e capaci potevano aspirare alle scuole del palazzo e del tempio. Nonostante la sua importanza, la donna rimane sempre madre e padrona di casa. Anche in questo caso organizzava la vita quotidiana e amministrava i beni, era indipendente dal punto di vista giuridico. Ciò le permetteva di esprimere la propria volontà nel disporre di beni. Insomma, la donna nella civiltà Egiziana ricopriva un ruolo molto importante.
Veniamo a noi, Antica Roma.
Come la natura vuole, anche qui la donna deve prevalentemente occuparsi delle mansioni domestiche e della formazione della prole. A differenza dell’antica Grecia, la donna romana poteva uscire a fare acquisti e partecipare ai banchetti. Anche se in parte libera, viveva in una condizione di inferiorità rispetto all’uomo, da cui dipendeva.
Nel Medioevo la donna non viveva in condizioni migliori, o meglio, la nobildonna viveva in un grande castello, servita e riverita, la donna che viveva in una piccola casetta al di fuori del castello, beh quella viveva una vita di stenti. Si prendeva cura della casa e della famiglia, cresceva i figli con quel poco che aveva. Non avevano diritto all’educazione e l’unica possibilità di educazione e di apprendimento di cultura era la messa. Se non era promessa in sposa a nessuno, veniva subito spedita in convento contro la sua volontà. Dunque anch’essa viveva una vita già scritta da altri, dove la possibilità di scelta non esisteva, dove la libertà di espressione era ancora un sogno. Entriamo nel 20esimo secolo, il secolo della “rivoluzione femminile”.
Verso la fine le Novecento la condizione della donna risulta e appare completamente trasformata.
La donna entra finalmente a far parte del mondo del lavoro, aumenta la percentuale di acculturazione femminile, insomma una vera e propria rinascita. Per questo dobbiamo ringraziare tutti i movimenti femministi che hanno combattuto per ottenere diritti e libertà.
I movimenti iniziarono a muovere i primi passi verso la Prima Guerra Mondiale e verso la fine degli anni Sessanta e Settanta del Novecento.

Le donne, nella prima ondata del femminismo, lottavano all’insegna dell’emancipazione, cercando di conquistare la parità dei diritti e quindi l’uguaglianza con l’uomo. Successivamente, si batteranno per la liberazione della donna dal controllo maschile.
Come dimenticarsi poi, della lotta delle donne per il diritto di voto. Vogliamo essere considerate eguali agli uomini per natura, abbiamo gli stessi valori e le stesse capacità, questo chiedevano le donne dell’epoca. Più uguaglianza.

Siamo nel 21esimo secolo, le cose sono in parte cambiate.
La donna è libera, ha la sua indipendenza economica, riesce a svolgere lavori pari a quelli degli uomini, ha un ruolo fondamentale, è istruita (quasi più degli uomini secondo alcuni studi) e può aspirare a carriere importanti e di rilievo. La donna al giorno d’oggi può aspirare alla politica, allo spettacolo, allo spazio…insomma può realizzare i suoi sogni. Questo però, non significa che può farlo con tutta tranquillità, non significa che per realizzare i suoi sogni non debba superare ostacoli o difficoltà.
Purtroppo però, non in tutto il mondo la donna è libera. Guardiamoci un po’ intorno, guardiamo la situazione che c’è in Afghanistan, dove le donne vivono dovendo rispettare tutti i divieti imposti dall’uomo e dagli uomini che comandano. Non possono praticare sport, dovranno studiare separatamente dagli uomini, non possono entrare nel mondo della politica, non possono lavorare alla radio…insomma il vasto mondo delle donne che popola questa Terra non è libero al 100%, nonostante ciò, la maggior parte di noi esseri fragili, lotta per avere qualche diritto in più, lotta per essere uguale all’uomo.

Sono molto fiera di essere donna al giorno d’oggi, fiera di far parte di questo enorme “esercito” di esseri fragili rivestiti di forza e coraggio.
Ci sono molti esempi forti e indipendenti da seguire, esempi di donne che si sono realizzate nella vita, che hanno aperto la strada per un futuro nuovo e diverso.
Non farò nessun nome, ognuno ha i propri riferimenti, che ama, ammira e stima.
Siamo donne, siamo forti, non dobbiamo mai cambiare per nessuno. Siamo importanti così come siamo, non lasciamoci abbattere da niente.
Siamo preziose e quanto tali, mi raccomando, non abbassate mai lo sguardo. Una Regina cammina sempre a testa alta

Serena Menardi

2 comments

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.