L’uomo è titolare di diritti inalienabili

L’uomo è titolare di diritti inalienabili. Tale enunciato è paradigma del pensiero giuridico-filosofico della cultura occidentale trovando esplicazione in molte convenzioni europee ed internazionali fra cui la Dichiarazione fondamentale dei diritti dell’uomo del 1948. Alla fine della Seconda Guerra Mondiale, il desiderio e l’esigenza di porre un argine legale al potere politico si manifestò in tutta la sua urgenza decretando l’inizio di una sempre più stringente regolamentazione che tutelasse l’uomo dal Leviatano politico. Nel novero dei diritti fondamentali costituisce un prius il diritto alla vita che trova tutela sia nell’ordinamento interno sia nel diritto internazionale.
I soggetti portatori di tale diritto sono tutti gli esseri umani compreso chi ancora non è nato. La Legge n.194/1978 tutela, infatti, la vita prenatale stabilendo modalità e limiti all’esercizio della facoltà di aborto. La comunità internazionale (compresa l’Italia) non tutela solo la vita intesa dal punto di vista fisico ma anche la sua stessa qualità. E’ contra legem, infatti, ridurre un uomo in schiavitù o in servitù, arrestarlo senza un giusto ed equo processo che non si sia svolto davanti ad un tribunale imparziale ed indipendente, impedirgli di abbandonare il proprio Paese per cercare asilo in altre Nazioni (tale disposizione, ovviamente, non si applica nel caso di persecuzione dovuta a un reato di diritto comune) o vietargli la circolazione o di scegliersi la residenza entro i confini di uno Stato. La legge non ammette alcun tipo di distinzione per quanto riguarda l’esercizio della titolarità di tali diritti eliminando ogni possibile discriminazione dovuta al sesso, all’orientamento politico o religioso, alle condizioni economiche, sociali o culturali. Un altro diritto che trova tutela è il diritto alla salute (art. 25 della Dichiarazione universale dei Diritti dell’Uomo) che stabilisce la libertà di ognuno ad avere un livello di vita sufficiente ad assicurare a sé e alla propria famiglia le cure mediche e i servizi sociali necessari. Nel novero dei diritti fondamentali trovano spazio anche: il diritto alla libertà individuale, il diritto all’autodeterminazione, il diritto alla libertà religiosa, il diritto di voto, il diritto alla protezione dei propri dati, il diritto all’espressione. Il mondo occidentale, seppur con innumerevoli pecche, è portatore di tali principi che sono frutto di una secolare tradizione illuministica e che oggi più che mai sono ben radicati nella coscienza collettiva. Purtroppo la povertà economica e l’impossibilità di conoscere un’alternativa di alcuni Paesi non permette un’enunciazione consapevole e giusta in tal senso, soffocando l’aspirazione ad un mondo più uguale e quindi più libero sotto una tradizione millenaria di ingiustizie sociali mascherate dietro ad un’identità religiosa. E’ quindi obbligo morale per ognuno accogliere chi vuole essere aiutato cercando di comprendere e di far comprendere l’importanza di tali principi, che non significa necessariamente abbandonare le peculiarità proprie di una cultura, ma permettere ad ognuno di manifestare il proprio essere senza ingerenze alcune. Un modo diverso che ponga al centro l’uomo con le sue qualità e capacità è possibile attraverso la collaborazione internazionale (fra l’altro nel preambolo della Dichiarazione tale collaborazione è auspicata) e mediante l’impegno reale di ciascuno. Tale impegno non significa necessariamente andare lontano. Ogni cambiamento, infatti, parte da noi stessi e dalla nostra capacità di adattarci alle sfide del futuro. Il mondo sta cambiando e ci impone di superare i confini nazionali e mentali che spesso ci imponiamo.

Elisa Del Regno

2 comments

  1. Condivido pienamente quanto sopra scritto da Elisa Del Regno. Non credo sia facile arrivare alla nostra “ Dichiarazione dei diritti umani “ , per me, in certi casi, c’ è una differenza culturale secolare. Non colmabile in breve tempo e senza una volontà politica di miglioramento. Troppe persone governano approfittando dell’ignoranza altrui. Gpaolo

  2. apprezzo quanto espresso nell’articolo, in particolare l’affermazione sul diritto alla vita anche prima di nascere. Metto in evidenza l’assurdità di diffuse affermazioni tramite i mass media, che attribuiscono anche erroneamente, il “diritto” alla sopraffazione della vita altrui (aborto). cordialmente. franco trevisan

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.