Ne usciremo con i capelli più lunghi e più bianchi

Con le mani e le case pulite, e i vecchi vestiti.
Con la paura e la voglia di essere fuori.
Con la paura e la voglia di incontrare qualcuno.
Ne usciremo con le tasche vuote e le dispense piene.
Sapremo fare pane e pizza, e non mandare sprecato il cibo che avanza.
Ci ricorderemo che un medico o un infermiere dovrebbe essere applaudito più di un calciatore, e che il lavoro di un bravo insegnante non lo può sostituire uno schermo.
E che cucire mascherine in certi momenti è più importante che fare alta moda.
Che la tecnologia è importantissima, anzi vitale, quando viene usata bene , ma può essere deleteria se qualcuno la vuole usare per fini propri.
E che non sempre è indispensabile salire in macchina e fuggire chissà dove.
Ne usciremo più soli, ma con la voglia di stare insieme.
E capiremo che la vita è bella perché si vive .
E che siamo gocce di un unico mare.
E che solo insieme si esce da certe situazioni.
Che a volte il bene o il male ti arrivano da chi meno te lo aspetti .
E ci guarderemo allo specchio.
E decideremo che forse i capelli bianchi non sono così male.
E che la vita in famiglia ci piace, e che impastare del pane per lei ci fa sentire importanti.
E impareremo ad ascoltarci i respiri, i colpi di tosse, e a guardarci negli occhi, per proteggere chi amiamo.
E a rispettare alcune regole base di convivenza .
Magari sarà così.
Oppure no.
Ma stamattina , in un giorno di primavera con la neve che scende, voglio sperare che tutto sia possibile e che si possa cambiare in meglio.

anonimo sul web

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.