Non c’è io senza te

All’inizio di questo Servizio Civile non mi sarei mai immaginata di affrontare un anno così complesso e allo stesso tempo monotono. A gennaio 2020 stavo cominciando quest’esperienza e ora, a un passo dalla fine, i pensieri si rincorrono.
Abbiamo tutti dovuto affrontare dei drastici cambiamenti durante questo anno. C’è chi ha sfruttato il tempo per dedicarsi alla crescita personale e conoscersi un po’ meglio per saper affrontare il futuro, c’è chi è rimasto in attesa che presto o tardi tutto questo sarebbe finito.
Io, come tanti altri giovani ho dedicato quest’anno a me. Non pensiate che essere un volontario sia solo donare e dedicare il tempo agli altri. Non c’è io senza te. Ma non c’è NOI senza l’impegno di tanti piccoli io.
È stato l’anno in cui l’impegno e la solidarietà è stata richiesta a gran voce da tutti, perché con piccoli gesti saremo in grado di superare anche le grandi difficoltà.
Agli sgoccioli di questo faticoso anno vi auguro:
che nello sconforto dei momenti difficili possiate non sentirvi mai soli, mai inutili, mai abbandonati.
Perché le difficoltà possono essere terreno fertile per i piccoli gesti di solidarietà e grandi progetti per il futuro.
Perché possiate sempre sentire il calore degli abbracci lontani, perché possiate essere testimoni dei sorrisi nascosti, dei grazie sussurrati.
Perché possiate dare valore ai piccoli gesti ricevuti e donati durante tutto questo anno e possiate vederli germogliare durante il 2021.
Perché essere giovani volontari durante un anno così traumatico come lo è stato il 2020 è essere testimoni che la solidarietà esiste. Ed è fatta di piccole scelte.

Ai futuri volontari di Servizio Civile Universale.

Michela

One comment

  1. Brava Michela! Grazie per le tue coraggiose parole. Ti auguro di diventare grande rimanendo grande come sei ora.
    Con stima
    Dora

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.