Non solo povertà economica

Sentiamo tanto parlare di povertà, miseria, ma cosa significa davvero essere poveri?
Secondo i dati globali, si parla di vera e propria povertà quando una persona è costretta a vivere con meno di 1,90 dollari al giorno, che non sono altro che 1,68 euro. Insomma, niente. Questo niente per poter procurarsi cibo, acqua, medicine e tutto ciò che una persona necessita per vivere una vita dignitosa. Ma sappiamo tutti benissimo che è quasi impossibile. In un mese sono 50,4 euro. Ora ditemi come poter vivere con 50 euro al mese.
Ci sono davvero tante persone che vivono in queste condizioni, anche se ci sembra impossibile. Il 13% della popolazione mondiale vive in povertà, che detta in percentuale sembra poco, ma in valori assoluti questo 13% rappresenta 902 milioni di persone.
Esistono vari livelli di povertà, da quella bassa a quella estrema, e purtroppo non c’è limite alla sua espansione. Da nord a sud del mondo, ma le zone e i Paesi più poveri del mondo sono:
• Africa Subsahariana: 42,7%
• Asia meridionale: 18,8%
• Asia orientale e zona del Pacifico: 7,2%
• America Latina e Caraibi: 5,6%
Questi dati si riferiscono al totale delle persone che vivono in condizioni di povertà estrema, anche perché se andiamo ad analizzare le varie percentuali, la popolazione dell’Africa Subsahariana (ad esempio) che vive in povertà estrema è circa di 430 milioni. Un numero molto alto, troppo nel 2021.
Siamo nel 2022, viviamo in una società divisa tra i ricchi, i poveri e i benestanti. Forse con la pandemia ci siamo abbastanza livellati o forse la situazione è peggiorata ancor di più, ma in certe zone del mondo nulla è cambiato. Una rivoluzione dietro l’altra, industrializzazione, aggiornamento, digitalizzazione…eppure ci sono ancora famiglie che soffrono la fame.
795 milioni di persone. Questo è il numero di persone che ogni giorno soffrono e vivono senza cibo, acqua e senza nessun nutrimento. E come se non bastasse, ogni giorno rischiano di contrarre malattie che possono portare alla morte o a danni gravissimi.
Ma la povertà non consiste solo in povertà economica.
In Africa non tutti hanno la possibilità di studiare, non tutti possono avere medicinali, non hanno strutture mediche…non hanno una vita vera e propria come la nostra. Non godono di stessi diritti, non hanno i nostri “privilegi”.
In Italia studiare, acculturarsi non è assolutamente difficile, abbiamo la storia e la cultura che ci circondano, eppure molti giovani non “sfruttano” mai al meglio la nostra terra.
Le vacanze dei giovani sono più belle in spiaggia, al bar, in discoteca in giro per l’Europa per fare festa. Ma sarò sincera, i ricordi più belli sono quelli delle vacanze alla scoperta della cultura, della storia della nostra Italia. Foto ricordo, vie colorate, edifici meravigliosi, storie intriganti e indimenticabili. Castelli sforzeschi che raccontano storie d’amore difficili, paesaggi che ti tolgono il fiato e paesaggi in cui ti perdi a riflettere su tante cose.
Eppure molti giovani non vogliono acculturarsi, non vogliono annoiarsi alla ricerca della cultura.
E voi avete mai visitato un posto che vi è rimasto nel cuore? Quel piccolo pezzettino nel cuore, quel piccolo pezzo di paradiso.
La povertà è una delle piaghe che incombe sulla nostra terra, andrebbe risolta, ma come? Voi avete qualche idea?

Serena

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.