Nuove povertà in Friuli

In Fvg crescono le nuove forme di povertà
Allarma l’ingrossarsi delle fila dei working poor, ovvero di coloro che pur avendo un lavoro e un reddito, sono al di sotto della soglia di povertà.
Il corposo dossier commissionato dalla Regione analizza anche l’indice di povertà; anzi, gli indici di povertà, in quanto questo fenomeno economico-sociale viene considerato sotto molteplici parametri. Emerge, però, un dato comune: la crescita delle ‘nuove’ povertà. Allarma, infatti, l’ingrossarsi delle fila dei working poor, ovvero di coloro che pur avendo un lavoro e un reddito, sono al di sotto della soglia di povertà. Abbinata a questa  ‘categoria’ è quella di chi subisce nel corso dell’anno ‘buchi lavorativi’, ovvero alterna periodi di occupazione ad altri di disoccupazione, senza però alcuna forma di ammortizzatore sociale. Non è solo l’incidenza, però, a indicare un deteriorarsi del benessere generale, ma anche la ‘dinamica’ della povertà, ovvero con che capacità un soggetto riesce a uscire dalla fascia di povertà e con che frequenza vi rientra. In Friuli Venezia Giulia quattro individui su cinque si mantengono sempre fuori dall’area della povertà; il 20% della popolazione quindi vi entra ed esce e una piccola fetta, attorno al 5%, vi rimane permanentemente.

Rossano Cattivello

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.