PERCHÉ’ SE NE PARLA COSI’ POCO?

Di cosa? Di un fatto molto importante e grave. Che dovrebbe farci rabbrividire e invece ci lascia quasi indifferenti. Quanti di noi sanno che dal 14 agosto 2015 il mondo consuma ciò che non produce più? Cioè ha intaccato le riserve che la terra ha accumulato in anni, secoli e millenni e che i nostri avi hanno tenuto da conto per noi? Noi, che continuiamo a sprecare acqua, energia, cibo e risorse del nostro pianeta come fosse un pozzo senza fondo? Anziché trattarlo come bene di lusso, sappiamo solo offenderlo. Le risorse rinnovabili della Terra non arrivano alla fine dell’anno: le consumiamo molto prima. Se nel 1987 il giorno del non ritorno, ossia “overshoot day”, era il 19 Dicembre nel 2015 quest’anno il “non ritorno” è arrivato al 14 agosto. Avremo bisogno di 1,6 Terre per soddisfare i fabbisogni della popolazione senza intaccare le risorse rinnovabili ma – di questo passo – già nel 2050 avemmo bisogno di 3 terre. Milioni di anni di evoluzione ci hanno dotato di un’intelligenza formidabile: nonostante ciò non riusciamo a imparare dagli errori e la natura in qualche modo poi presenta il conto. Spaliamo il fango, ricostruiamo case e  argini là dov’erano ma, alla prima pioggia, al primo temporale siamo punto e a capo. Invece di piangere vittime e danni, dovremmo renderci conto che NOI abbiamo devastato il territorio, intubando fiumi, costruendo sugli argini, sui crinali dei monti, sigillando il terreno con l’asfalto e molto altro ancora. Capaci di disperarci davanti alle catastrofi senza poi far nulla per porvi realmente rimedio. Un altro esempio di violenza alla natura è l’Expo: dove ora sorgono gli avveniristici padiglioni della Fiera mondiale c’era campagna, fertile e aperta. Oggi si sta discutendo su come utilizzare quei terreni ormai morti, inquinati e non più adatti alla produzione agricola. Probabilmente diventeranno grigio cemento. In meno di otto mesi abbiamo fatto fuori la scorta di dodici mesi e per il resto dell’anno dovremo vivere consumando ciò che il pianeta non è in grado di rigenerare, tagliando foreste che servono a riossigenare l’aria che respiriamo, pescando pesci che nei nostri mari già scarseggiano, prelevando acqua da fonti che non si ricaricano. Riduciamo i consumi, ripariamo, ricicliamo, cambiamo il modo di muoverci. Leggiamo l’enciclica Laudato sì. Informiamoci (prossimo appuntamento la Conferenza Mondiale sul Clima). Colleghiamoci tra Associazioni e movimenti e cambiamo insieme anche il nostro modo quotidiano di fare attività.

PIERINA GALLINA

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.