pensando alla festa della donna

Sto pensando all’8  marzo e come donna ho qualcosa da dire.
Non mi piace la festa delle donne. Vivo solo la consapevolezza che c’è ancora molto da fare! Ci sono bambine che subiscono violenze, ci sono spose bambine, ci sono ragazze costrette a seguire riti religiosi contro la loro volontà, ci sono ragazze costrette a lasciare la scuola per lavorare, ci sono donne che vengono continuamente umiliate, violentate, uccise …
Ci sono donne che per scelta umiliano se stesse attraverso la prostituzione, la ricerca sfrenata della bellezza, che si uccidono con l’alcol e la droga.
Non serve la festa della donna per ricordarci che ci sono donne coraggio che combattono l’ipocrisia, la prepotenza e l’ignoranza della nostra società; ci sono donne che si battono per la libertà dei diritti dei loro congiunti.
Ci vuole il nostro impegno quotidiano, di uomini e donne insieme, per realizzare una nuova speranza di vita. Non scoraggiamoci !!!!
Lottiamo con coraggio le battaglie che la vita ci pone innanzi. Facciamoci carico della fatica e della debolezza di ci sta vicino. E soprattutto responsabilizziamoci su ciò che le nostre parole dicono. Scegliamo i pensieri da esporre, le parole da pronunciare. Dobbiamo essere consapevoli che siamo testimoni di un mondo migliore.

Monica

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.