Per i 150 anni dell’unità di Italia facciamoci un regalo votiamo!

Movità 13-2011 dell’11 maggio

Leggendo i giornali, di una parte o dell’altra, sembra ormai che l’Italia sia profondamente divisa in due fronti così distanti che sia ormai quasi impossibile il superamento delle posizioni “particolari” per costruire il bene che è comune a tutti e che non può non tenere conto del bene di tutti.

Cosa possiamo fare noi cittadini? Diamo un segnale, andiamo a votare!
Il voto è la prima e più importante espressione di quella “sovranità popolare” che è alla base del nostro sistema democratico: siamo noi che dobbiamo decidere e con il voto possiamo esprimere il nostro pensiero. Certo, che sia un voto informato, basato più possibile su una conoscenza diretta dei candidati ai quali poi chiedere conto del loro operato, con i quali farci sentire.
Molti rispondono a questi argomenti dicendo che tanto non cambia nulla, è inutile, questo o quello pari sono! Ammesso che questi “argomenti” possano applicarsi alle elezioni amministrative (quelle del 15 e 16 maggio … ma noi non siamo d’accordo: è proprio nei comuni che possiamo parlare direttamente con i nostri rappresentanti) certamente invece non possono valere per i referendum, per cui si voterà il 12 e 13 giugno.
Con i referendum possiamo e dobbiamo esprimere il nostro  parere su tematiche centrali e vitali per tutti, per prenderci cura dei nostri beni comuni: energia nucleare si o no, acqua gestita dai privati o acqua pubblica, si o no al legittimo impedimento per i processi a chi ci amministra. Siamo noi che possiamo e dobbiamo fare i “legislatori”, non ci sono scuse!
Certo se non si raggiungerà il quorum sarà davvero un’occasione mancata e “non cambierà nulla”!
Se invece a votare ci andiamo tutti e i referendum saranno validi, allora avremo dato un segnale forte, come cittadini, per dire che “i beni comuni” ci stanno a cuore e non intendiamo lasciarli in balia di una politica che non sempre ci convince.
E allora facciamoci questo regalo, in occasione dei 150 anni della nostra Italia: andiamo a votare e portiamo con noi parenti, amici, vicini di casa!
Informiamoci, pensiamo, discutiamo, scegliamo e VOTIAMO!

La redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.