Per un incontro tra giovani e volontariato

 

Il Progetto

 

Il percorso viene realizzato con le classi terze o quarte delle scuole secondarie di secondo grado. Prevede una parte in classe in classe e una fase di esperienza sul campo, in accordo con le associazioni di volontariato del territorio.

Nella prima fase (generalmente tre incontri di due ore), gli studenti affrontano con l’animatore tre temi fondamentali:

1. Il nostro territorio

2. Comunità e Partecipazione

3. Il volontariato

Gli incontri  in classe sono condotti da un animatore MoVI con metodologie attive e prevedono momenti di discussione e di lavoro in gruppo. Nel terzo incontro sono presenti anche alcuni volontari-testimoni.

Come seconda fase, si propone agli studenti di andare a incontrare i volontari di un’associazione locale, facendo esperienza diretta di un’attività di volontariato. I ragazzi possono scegliere l’esperienza che più ritengono interessante tra quelle proposte dalle associazioni che aderiscono al progetto. In genere vengono realizzate almeno due uscite: la prima per conoscere l’associazione e incontrare i volontari, le successive per partecipare all’attività proposta dall’associazione. Molti ragazzi chiedono di partecipare a più esperienze per conoscere diverse associazioni

Dopo le “esperienze sul campo” è previsto un ultimo incontro di verifica in classe, in cui i ragazzi si confrontano sulle diverse esperienze svolte e concludono il percorso valorizzando gli apprendimenti e le scoperte da loro realizzate.


Obiettivi del percorso

Lo scopo non è di “spingere” i ragazzi al volontariato, ma di far conoscere loro la realtà dell’impegno solidale e della partecipazione attiva, creando occasioni di incontro e confronto con le realtà del territorio e facendo conoscere quindi alcuni aspetti delle comunità in cui vivono e di cui spesso ignorano l’esistenza o i contenuti.

Se da una parte vuole essere quindi un percorso di educazione civica per aprire ai ragazzi una diversa prospettiva sul territorio in cui vivono, d’altra parte il progetto intende coinvolgere la comunità nella formazione dei ragazzi, favorendo una nuova “alleanza educativa” tra associazioni e soggetti del territorio e creare una collaborazione forte fra scuola e associazioni di volontariato.



Il lavoro di rete tra le scuole e le associazioni


Il MoVI del Friuli Venezia Giulia promuove da sette anni il percorso “Prove Tecniche di Volontariato”, attivo in  nove scuole secondarie di secondo grado della Regione:

  • Codroipo (Linussio),
  • Maniago (Torricelli),
  • San Daniele (Manzini),
  • Spilimbergo (Tagliamento)
  • Udine (Malignani),
  • Gorizia (Slataper),
  • Monfalcone (Buonarrotti e Pertini)
  • Trieste (Deledda Max Fabiani)

In parallelo al percorso scolastico, le associazioni coinvolte nel progetto seguono un percorso di coordinamento e formazione. Oltre ad incontri “generali” di programmazione e verifica, tra associazioni, con i referenti della scuola e con gli altri soggetti del territorio, sono stati organizzati percorsi formativi e iniziative specifiche finalizzate a far crescere la capacità delle associazioni di aprirsi e dialogare con i giovani e per sviluppare quell'”alleanza educativa” che rende possibile per comunità locale il pensarsi come “comunità educante”, favorendo il confronto e costruendo una visione comune sul delicato compito di accompagnare i ragazzi nei loro percorsi di crescita e di preparazione per diventare cittadini attivi, consapevoli e solidali.

Da cosa nasce cosa: gli sviluppi del progetto


La realizzazione del percorso base, nei diversi ambiti, ha permesso di consolidare la collaborazione tra le associazioni e con la scuola. Questa rete ha promosso ulteriori sviluppi e azioni scelte e progettate insieme, tra insegnati e volontari. Sono nati così:

  • Percorsi di approfondimento su tematiche sociali con visite e ricerche mirate (carcere, dipendenze, legalità, salute mentale etc)
  • Percorsi sull'”economia sostenibile“, in collaborazione con le BCC e soggetti dell’economia locale e solidale
  • Guida con proposte estive di volontariato per gli studenti
  • Accordo scuola-associazioni per attività integrative e di collaborazione (proposte per settimana di sospensione didattica, partecipazione a assemblee, collaborazioni specifiche per approfondimenti didattici)
  • Progetti di volontariato con i ragazzi e dei ragazzi (sostegno ai compiti, servizio civile solidale, percorsi per l’integrazione scolastica di studenti con disabilità)

 

 

 


Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.