Quando diventi un super eroe stando a casa

In questi giorni di auto isolamento sono tanti i pensieri che circolano nella testa di una 25enne (pensante).
Si fa i conti con se stessi, con il tempo, con lo spazio, con la calma e con tante preoccupazioni per il futuro.
Da piccola mille volte mi sono chiesta “se fossi costretta a stare in casa cosa farei?” Me lo chiedevo per gioco. Oggi lo sto vivendo ogni giorno ed è la mia nuova realtà.
Da un momento all’altro sono, o meglio siamo, stati catapultati in una nuova realtà. Fatta di necessità diversificate, di smart working, videochiamate, allenamenti e aperitivi di gruppo, ognuno davanti al proprio schermo.
Potremmo far si che questo virus, questa pandemia, ci dividesse. Oppure potremmo trovare una forza interiore che ancora non sapevamo di avere per essere uniti.
Uniti nella distanza di sicurezza da mantenere. Uniti nel rispetto dei decreti emanati. Uniti attraverso un mondo virtuale che ci permette di rimanere connessisi e che domani potrà trasformarsi in un abbraccio reale. Uniti nella paura di questo momento delicato. Uniti per darci la forza di resistere.
Non è facile, lo ammetto. Anche per me che sono una persona solitaria, a cui piace stare sola con se stessa. Non è affatto facile rinunciare alla libertà di uscire, di incontrare persone, di fare attività, di lavorare, di studiare e di fare un’altra infinità di cose… Ma è bene sempre ricordare un fondamentale: la nostra libertà finisce dove comincia quella dell’altro. E allora, noi chi siamo per privare una persona della sua libertà? Pensandoci bene, se ora non rispettassimo tutti le ordinanze emesse, presto o tardi potremmo limitare qualcuno più fragile di noi.
Leggo spesso sui social “chi l’avrebbe mai detto che per salvare il mondo basta stare a casa?” Inizialmente mi faceva molto ridere questa domanda retorica, ma pensandoci bene ha una potenza estrema. “Basta stare a casa” e ci riusciamo a lamentare? È davvero così difficile?
A tratti alterni lo è anche per me. Lo ammetto.
Diventa difficile trovare e adeguarsi a delle nuove tempistiche e nuove strategie per vivere la nostra vita anche all’interno delle mura di casa. Impegnandosi a cercare di continuare a fare tutto “normalmente” anche quando la normalità è molto diversa.
Ma la realtà è che non è difficile stare a casa e vivere la nostra vita in questo strano modo. Diventa difficile quando le mura di casa si restringono alle mura della vostra stanza e si stringono ancora di più fino a diventare le mura della nostra mente, nella quale si annidano mille pensieri, mille paure.
Sì, perché sarebbe inutile negare, anche nella mia testa ci sono tanti pensieri a riguardo, tante paure e tante forti preoccupazioni. La prima fra tutte i propri cari. Per me, mio fratello che vive a Bergamo, una delle città italiane più colpite dai contagi. Saperlo lontano da me mi rende vulnerabile. Penso alla fragilità dei miei nonni, a quanto sia difficile star loro distanti in questi momenti che potenzialmente potrebbero essere gli ultimi. Ma questo mi ha fatto anche capire quanto siano importanti tutti i momenti assieme, tutti quei piccoli momenti che permettono di costruire assieme dei ricordi.
Nelle settimane trascorse immersa nei pensieri, nei confronti, nelle parole, negli occhi di amici e parenti ho letto le mie stesse preoccupazioni e la mia stessa speranza. Che tutto questo, tutto quel che stiamo facendo, questo sforzo “immenso” che ci è stato richiesto abbia presto i suoi frutti. E quando questo finalmente accadrà potremmo dire che nella distanza abbiamo trovato la vera forza per unirci e combattere qualcosa di invisibile e letale.

Michela Giovanatto

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.