Quando un dono va oltre le monete

Ecco una storia vera, che unisce l’amore per gli altri alla dolcezza della cioccolata. Un binomio strano, ed è per questo che la vicenda va raccontata. Ometto città e nomi perché l’importante è sottolineare il gesto e il suo significato. C’era una volta, in una grande città del Sud Italia, un ingegnere, titolare di uno studio di ingegneria. Ogni anno, questo signore, non faceva mai mancare il suo affetto e il suo sostegno ad un’associazione di volontariato impegnata nel seguire bambini provenienti da famiglie con difficoltà economiche. Non solo inviava soldi ma anche un dono che piace ai bambini (e non solo): la cioccolata! Questo era il suo speciale dono natalizio: tanti e ottimi cioccolatini contenuti in tre grosse scatole di cartone. A Natale era sempre puntuale e quando arrivavano le scatole dal profumo di cioccolato, non serviva leggere il nome del mittente. Era lui, l’ingegnere.
Poi un giorno, l’ingegnere muore e accade una cosa molto particolare, imprevista e fuori dagli schemi.
L’ingegnere, quando è ancora in vita, decide di continuare ad essere vicino all’associazione anche quando non ci sarà più e nel proprio testamento lascia indicazioni agli eredi affinché: “ogni Natale, l’associazione riceva, per sempre, tre scatole con i migliori cioccolatini”. Ed è mentre mangiavo uno di questi cioccolatini che mi hanno raccontato questa storia, che non solo ha un finale dolce (nel mio caso, fondente) ma che lascia intendere quanto un donatore possa affezionarsi ad una causa e compiere un gesto semplice che va oltre la propria vita.

Raffaele Picilli

Raffaele Picilli si occupa di fundraising e marketing per il Terzo Settore da oltre quindici anni. Il suo ultimo libro sul tema della raccolta fondi è “Fundraising e comunicazione per la politica” scritto con Marina Ripoli ed edito da Rubbettino Editore.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.