Ricaricare le batterie

Questo è quanto dichiara Rossano tra le sue aspettative per i tre giorni di incontro, formazione e scambio che da lì a poco avremmo passato in compagnia di questo gruppo.
Per noi è accaduto proprio questo, una ricarica che porta con sé tanto entusiasmo, voglia di lasciare ancora qualcosa alla comunità, ai territori di cui facciamo parte e di cui conseguentemente siamo responsabili.
In quest’ esperienza abbiamo potuto osservare da vicino una piccola rappresentanza del paese che prova ancora piacere nell’offrire sé stesso agli altri, al condividere assieme, allungare una mano a chi ne ha bisogno per una società più coesa e collaborante o come più di qualcuno ha detto, il paese che ha la volontà di cambiare il mondo, che nemmeno a farlo apposta nei prossimi giorni potrebbe proseguire il cammino verso una direzione che non può soddisfare i nostri ideali.
Queste giornate passate assieme ci hanno fatto riscoprire la bellezza del confronto, del mettersi in discussione con la mente aperta alle osservazioni, alle opinioni e gli esempi d’altri. Il riflettere sulla rete, il suo significato, il suo valore ci ha fatto capire come non siamo soli e nelle nostre diversità abbiamo trovato quel mattoncino che ci sta aiutando a guardare ancora un po’ più in là e da questo, crediamo, l’entusiasmo e la forte voglia di continuare a rimanere nel gioco, con tutti i suoi limiti e difficoltà.
Abbiamo visto quanto un territorio ci può plasmare, come singoli e come enti. Abbiamo capito un’altra volta come incontrare e conoscere possa aprirti un mondo che sapevi essere lì ma che non riuscivi a vedere con lucidità. Abbiamo conosciuto associazioni e persone che operano in ambiti e con modalità diverse e da loro abbiamo preso nuovi spunti.
Aver conosciuto ragazzi e ragazze giovani e ragazzi e ragazze ancora giovani, ci ha confermato come sia bello incontrare, creare dei nuovi contatti, costruire questa rete di cui tanto abbiamo parlato.
I ragazzi di ACMOS hanno portato degli esempi, descritto le modalità e gli strumenti a cui fanno riferimento, lasciandoci stupiti e curiosi, con la voglia di aiutare la nostra associazione e non solo, a realizzare quello che spesso è complesso, come hanno fatto loro e non soltanto loro. Nella larga decina di associazioni presenti abbiamo trovato degli spunti, sia pratici che di riflessione che ora custodiremo e condivideremo con chi ci sta attorno.
Tornare a casa dopo quest’esperienza ci ha fatto pensare a quanto sia un peccato che non tutti i soci della nostra associazione abbiano potuto partecipare, poichè tutto ciò l’abbiamo percepito come qualcosa di totalmente positivo e sinceramente impattante ed è per questo che cercheremo di fare del nostro meglio per trasmettere la stessa voglia e le stesse conclusioni.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.