Riorganizzare i CSV

Dopo ampio e articolato dibattito, il Consiglio Direttivo di CSVnet preso atto delle intenzioni che potrebbero permettere di giungere ad una ipotesi condivisa con ACRI e le rappresentanze del Terzo Settore di riorganizzazione del sistema dei CSV sul territorio nazionale da proporre al Governo in vista dell’annunciata riforma del Terzo Settore; ritenuto che la possibilità di giungere ad un documento unitario di proposta per il Governo potrebbe consentire di promuovere un percorso adeguato, coerente ed efficace di riorganizzazione, non imposto ma partecipato dagli attori del sistema sul territorio; ritenuto altresì che qualsiasi ipotesi di ridefinizione deve obbligatoriamente partire dall’esperienza maturata in questi anni dai CSV e dalla loro capacità di presenza sul territorio, da considerarsi come risorsa fondamentale ed imprescindibile; atteso che la definizione di un documento unitario dovrà necessariamente passare da un approfondimento congiunto e che occorre in tal senso conferire mandato al Presidente in modo da rendere possibile la presenza di CSVnet.

DELIBERA

quali punti fondanti di una possibile ipotesi riorganizzativa:

1) una riorganizzazione territoriale che porti all’istituzione, nell’arco del prossimo triennio, di un sistema confederato, che tenga conto di criteri demografici e territoriali, attraverso una forma statutaria che affermi:

a. un modello di gestione regionale con funzioni di pianificazione e rappresentanza unitaria;

b. un sistema semplificato ed unitario che, necessariamente, garantisca un coerente grado di autonomia a organici livelli territoriali, nella programmazione delle attività e nella gestione delle risorse economiche;

c. una governance regionale afferente agli attuali enti gestori, eletta con processi democratici dai singoli territori a loro volta espressione di una base sociale ampia e diffusa, con meccanismi di tutela del ruolo politico anche delle piccole associazioni (sulla base della Carta della Rappresentanza).

2) una rivisitazione e semplificazione del sistema di controllo che, tenendo conto dei limiti attuali, lo renda più snello negli strumenti, consentendo un risparmio di risorse, una minore burocratizzazione delle operazioni, ed una reale verifica dell’uso corretto delle risorse da parte dei Centri sul territorio, impedendo l’esercizio funzioni improprie e garantendo principi e criteri analoghi su tutto il territorio nazionale;

3) una rideterminazione delle risorse che tenuto conto della riorganizzazione formulata e delle particolari necessità legate al momento di grande difficoltà sui territori, nonché di un’auspicabile e conseguente ampliamento delle attività e dei servizi dei Centri, conduca ad un adeguato aumento della dotazione del sistema.

Il Consiglio Direttivo impegna il Presidente affinché lo studio giuridico in corso sull’analisi comparata degli statuti e dei regolamenti dei CSV produca risultanze, in tempo utile a favorire la riflessione in corso.

Il Consiglio Direttivo, determinati così i punti fondamentali del posizionamento, ritenendo necessario, come da più parti sollecitato, un allargamento del dibattito sulle prospettive di CSVnet che coinvolga tempestivamente la base sociale del sistema dei CSV, delibera altresì di convocare a Roma una Assemblea Straordinaria dei Soci per il giorno 8 novembre.

Il Consiglio Direttivo auspica che la stessa Assemblea Straordinaria sia preceduta da un incontro in ogni regione, alla presenza di tutti i consiglieri dei rispettivi CSV e la base sociale dei CSV stessi.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.