Se questo è un uomo

Il memoriale di Primo Levi raccoglie una poesia che denuncia la disumanità e la disumanizzazione del nazismo. Una poesia che dimostra il potere della parola e la necessità della memoria, affinché tutti conoscano l’Olocausto e nessuno osi dimenticare le atrocità e gli orrori della guerra, dei campi di concentramento e di sterminio.

Voi che vivete sicuri
Nelle vostre tiepide case,
voi che trovate tornando a sera
Il cibo caldo e visi amici:
Considerate se questo è un uomo
Che lavora nel fango
Che non conosce pace
Che lotta per un pezzo di pane
Che muore per un sì o per un no.
Considerate se questa è una donna,
Senza capelli e senza nome
Senza più forza di ricordare
Vuoti gli occhi e freddo il grembo
Come una rana d’inverno.
Meditate che questo è stato:
Vi comando queste parole.
Scolpitele nel vostro cuore
Stando in casa andando per via,
Coricandovi alzandovi;
Ripetetele ai vostri figli.
O vi si sfaccia la casa,
La malattia vi impedisca,
I vostri nati torcano il viso da voi.

Vi comando queste parole. Scolpitele nel vostro cuore : è un imperativo categorico quello di Primo Levi. Non è più un uomo, non è più una donna chi è stato catturato, torturato e ucciso dai nazisti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.