Chi semina vento raccoglie tempesta.

Una volta erano solo i Verdi, il partito politico che, con una certa influenza nei governi locali e nazionali, cercavano di porre un freno alla distruzione del nostro territorio. Il partito dei Verdi c’e’ sempre, le sue battaglie col tempo si sono diffuse in tanti altri partiti e movimenti, facendoci sperare per la loro affermazione, ma l’Italia, come ieri e come probabilmente ancora domani, sta franando. Due esempi periodici ne sono emblema: la Liguria che ad ogni inizio autunno frana nel mare e Venezia con la sua acqua alta. A questi due appuntamenti periodici, ogni anno se ne aggiungono altri: tra terremoti, allagamenti, smottamenti, etc se ne e’ perso il conto e -purtroppo- a parte i diretti interessati e la notizia del momento, dopo un po’ di giorni i piu’ se ne dimenticano. Finché’, per l’appunto, non gli crolla addosso il tetto di casa o gli viene meno il terreno sotto i piedi.
Forse quando esploderà’ l’Etna o il Vesuvio o Genova finirà’ come una sorta di Atlantide, dopo le tante piccole Atlantide che gia’ popolano il nostro territorio (sto pensando all’ultima, Albinia nel grosssetano), la priorità’ verrà’ riconosciuta con conseguente intervento prioritario. I morti, per ora, sono ancora troppo pochi….
Politiche dissennate, incapacità’ dei pochi lungimiranti di farsi valere ieri e oggi? E’ una miscela di tutto questo e di più’.
Si dice, citando i testi biblici: “chi e’ senza peccato scagli la prima pietra”.
E’ il cosiddetto nostro “sistema Paese”, che non solo ci vede tutti come evasori fiscali e approfittatori alla prima occasione, ma anche suicidi e assassini verso i nostri figli e i nostri simili (dove i simili non sono solo i bipedi cosiddetti civilizzati, ma anche tutte le forme di vita animale e vegetale). Ogni cosa che singolarmente o collettivamente decidiamo non esserci utile, la distruggiamo, o -peggio- la distruggiamo convinti che cio’ ci sia utile, salvo poi avere dimostrazione del contrario… ogni cosa vittima di questa nostra ignorante follia, e’ come distruggere una cellula del nostro corpo.
E credo che di questo sono in pochi ad esserne consapevoli. E sono quei pochi che non hanno voce per scelta o per sopraffazione da parte dei distruttori. Sono quelli che -facendo una proiezione sulla possibile ricaduta civica di questi comportamenti- decidono di non partecipare al voto o quelli che, pur partecipandovi, vengono schiacciati da chi ha più’ mezzi (avuti, nella maggior parte dei casi, distruggendo cio’ che hanno intorno) e li usa per mentire a chi li ascolta o per stuzzicare altri desideri -spacciandoli per primari- nei propri interlocutori.
Ma come facciamo a venirne fuori, oppure e’ meglio decidere di andarsene da un’altra parte dove, magari, distruggeremo -noi stessi e gli altri- solo un po’ più’ lentamente?
Perche’ stiamo scrivendo questa descrizione -ovviamente di parte, come non sarebbe altrimenti- delle nostre sventure di italiani? Per invitare chi ci legge ad una riflessione. A partire dai propri “piccoli” gesti quotidiani, con un obiettivo: riusciamo, individualmente in primis e poi con qualche ricaduta sul collettivo grazie ad un nostro possibile impegno,… riusciamo a non essere omologati alle responsabilità’ di chi ci ha sfasciato e ci sta facendo morire? Per esempio: stiamo facendo la raccolta differenziata dei rifiuti? Ci facciamo valere ogni volta che qualcuno ci mette i piedi in testa, senza lasciar correre perche’ “non ne vale la pena” (un gestore di servizi come telefoni, elettricita’, etc, o il Comune, la Regione, etc)? Riusciamo a dialogare coi nostri figli senza abbandonarli per stanchezza -legittima ma pur sempre abbandono- davanti ad un apparecchio tv?
Credo che ci siamo spiegati.
Ognuno di noi e’ -a suo modo- un rivoluzionario. Evitiamo, percio’, che siano altri -magari con le loro rivoluzioni egoiste e sfasciste- a decidere per noi.

di Vincenzo Donvito
Associazione Aduc

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.