Servizio civile – un pensiero per due

Siamo quasi giunte al termine di questa avventura, ed è quindi ora di fare un breve riepilogo delle cose che più ci hanno colpito.
Dando una mano nella gestione dei trasporti sociali, ci è spesso capitato di rispondere al telefono ed entrare in contatto con persone in difficoltà o persone sole che hanno bisogno di qualcuno che dia loro un passaggio.
Non è sempre stato facile, soprattutto per chi come me (Serena) non è amante delle telefonate. Non sai chi e cosa aspettarti dall’altra parte, non sai come reagirà ai tuoi “No” o ai tuoi “Non so come aiutarla”. Non è sempre stato facile, le persone purtroppo non sono mai tutte pazienti e comprensive, ma ce l’ho fatta. Fortunatamente c’era Desireè che non ha mai avuto problemi a chiamare chiunque, insomma una coppia perfetta che si completa.
Ci porteremo sempre nel cuore le persone che hanno sempre avuto rispetto, comprensione, gentilezza e belle parole da spendere per noi che cercavamo in qualsiasi modo di aiutarli.
Molte sono le storie che abbiamo ascoltato, così come le lamentele e i complimenti. Tante sono state le situazioni difficili da gestire, che ci hanno messo alla prova, ma per fortuna siamo sempre riuscite ad uscirne vittoriose, insieme.
Un episodio in particolare ci è rimasto molto impresso. Era Novembre 2021, una signora ci aveva contattati con urgenza, aveva appena ricevuto la notizia che l’ambulanza non avrebbe fatto il trasporto per sua madre, come aveva già concordato.
Avvisata all’ultimo, la signora si è trovata in difficoltà, ci ha contattati e noi abbiamo chiamato quasi tutti i volontari. Volevamo assolutamente aiutare questa signora. Dopo molte chiamate con l’aiuto di Sara, ce l’abbiamo fatta. Volontario trovato, trasporto fatto.
Qualche giorno dopo si è presentata la signora in ufficio per ringraziarci. Un bellissimo gesto che ci ha lasciati tutti sorpresi.
D’altra parte, oltre alle cose belle e alle persone stupende, ci sono anche dei personaggi che ricorderemo in modo particolare per altre caratteristiche.
Stiamo parlando di un signore che vive in una situazione di disagio, non ha nessuno vicino e l’unica cosa che forse gli resta è un animaletto; ovvero un riccio. Avete capito bene, lui come animale ha un riccio. L’ha raccolto un giorno in un laghetto qui vicino e da quel giorno ha deciso che sarebbe diventato sua figlia, se ne prende cura e la mostra in giro come se fosse un gioiello. Questo signore ci ha accompagnato per la maggior parte del tempo al telefono, ma anche in giro. È un personaggio che noti subito, non solo per i suoi atteggiamenti particolari ma anche per il fatto che come ti vede ti parla, ti racconta la sua giornata e ti fa compagnia. Devo ammettere che la prima volta che l’ho visto ho cercato di stargli lontano, pensavo volesse farmi del male in quanto mi aveva fermato per strada facendomi domande personali; ma con il tempo ho capito che in realtà oltre a trattenerti il più tempo possibile per parlare non fa niente di male.
Per noi i suoi atteggiamenti fanno capire che si trova in una situazione di difficoltà, che ha bisogno di parlare con qualcuno, che passa le sue giornate ad annoiarsi; quindi quando vede una persona ( che lo conosca o meno) lui viene lì e ti parla.
Il mondo del volontariato è anche questo, avere pazienza e altruismo anche con personaggi un pò più particolari rispetto ad altri.

Serena e Desiree

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.