Siamo tutti diversamente abili

Finché uno non non si impegna veramente
c’è esitazione, c’è la possibilità di ritirarsi e c’è sempre inefficacia.
In tutti gli atti d’iniziativa e di creazione
c’è una verità elementare, la cui ignoranza uccide idee e piani meravigliosi in numero infinito.
Nel momento in cui uno si impegna davvero fino in fondo, allora si muove anche la Provvidenza.
Ti vengono in aiuto mille cose
che altrimenti non sarebbero successe: viene verso di te un intero flusso di eventi prodotti
dalla decisione, portando a tuo vantaggio ogni genere di imprevisti, di incontri e assistenza
materiale che non ti saresti nemmeno sognati.
Qualsiasi cosa tu possa fare o possa sognar di fare, cominciala. L’audacia ha genio, forza e magia.
Cominciala, comincia adesso! J.W.Goethe

Tutti coloro che hanno a che fare con i disabili, siano essi bambini o adulti, si trovano di fronte ad un grosso ostacolo iniziale che si può sintetizzare nel seguente quesito: come si può comunicare con essi per poter trasmettere il nostro messaggio?. Il principio fondamentale a cui bisogna attenersi per rispondere adeguatamente a questa domanda, deriva in buona parte dalla nostra comprensione del loro stato e dal nostro modo di essere.
La conoscenza delle problematiche, dei disturbi fisici e/o psichici che affliggono i disabili è di fondamentale importanza per applicare l’intervento più idoneo per aiutarli. In primo luogo bisogna nettamente distinguere fra i disabili bambini o ragazzi, e disabili adulti. Con i primi è possibile ottenere in molti casi, applicando una pedagogia curativa mirata, miglioramenti significativi in rapporto alle loro condizioni di base. Per quanto riguarda invece i secondi, dobbiamo prendere atto che la loro condizione ormai è consolidata e le possibilità per intervenire per migliorarla sono minime, tuttalpiù possiamo intervenire per attenuare i loro disagi. Dal punto di vista biologico, si può cominciare a considerare adulto il disabile una volta conclusa la maturazione sessuale, in quanto il corpo fisico acquista la sua conformazione definitiva dopo poco tempo. Da questo momento in poi, come è già stato detto, l’operatore, il terapeuta, il medico, i familiari si trovano di fatto a doversi confrontare con una situazione esistenziale pressoché definitiva. Alla luce di questa presa di coscienza, l’aiuto che si può dare all’adulto disabile si articola in due direzioni: un indirizzo lavorativo ed un sostegno terapeutico.
Per indirizzo lavorativo s’intende la possibilità di un suo inserimento dell’attività e nella realtà sociale tenendo naturalmente conto delle sue capacità fisiche, psichiche e spirituali. Per quanto riguarda il sostegno terapeutico bisogna avere ben chiaro che senz’altro qualsiasi intervento terapeutico può aiutare il disabile a vivere con minor disagio le sue dolorose limitazioni e a rallentarein misura più o meno esplicita i processi di degenerazione del suo organismo fisico e psichico. Al di là delle terapie strettamente mediche o paramediche, un considerevole aiuto può essere portato al disabile adulto dalle terapie artistiche. L’interazione corpo-anima, sempre attiva nella cosiddetta persona normale, diventa di fondamentale importanza nel caso della persona disabile. Per quest’ultima ragione le terapie artistiche, agendo sull’organismo psichico, di rimbalzo influiscono sempre positivamente sul corpo fisico, a patto però che la loro applicazione avvenga nella misura più corretta.

Giovanni Peccarisio

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.