Terremoto e prevenzione

Terremoto e prevenzione: perché l’Italia non è come il Giappone di  Di fronte al terremoto che ha colpito diverse province dell’Italia centrale, soprattutto quelle di Rieti e Ascoli Piceno, così come in occasione di altri eventi simili del passato anche recente, molti, esperti e cittadini, discutono della mancata prevenzione antisismica (non accenno nemmeno a eventuali polemiche sull’assenza di previsione, dal momento che attualmente non c’è alcun metodo di previsione efficace dei terremoti che sia basato su un consenso scientifico). Mi pare che la questione si possa riassumere in questo modo: Opzione 1. Spendiamo tanti soldi subito, nell’adeguamento antisismico di case, ospedali, scuole. Di qualsiasi struttura, di qualsiasi tipo, ovunque sia possibile farlo. Anche di chiese e di beni storici. In un paese come l’Italia, con un patrimonio storico diffuso sul territorio e dove praticamente ogni città e paese ha un nucleo di edifici vecchi di secoli, non si può parlare di prevenzione antisismica trascurando edifici e beni storici. È un problema che riguarda anche la sicurezza, non solo la tutela del patrimonio e dell’identità dei luoghi e del paesaggio. Quindi, spendiamo subito, investendo in opere edilizie di adeguamento e nella ricerca scientifica sull’applicazione di tecnologie e sistemi antisismici di monitoraggio e prevenzione. Opzione 2. Spendiamo tanti soldi dopo. Dopo la distruzione e i morti. Spendendo, stando almeno a quanto calcolato dal Consiglio nazionale degli ingegneri, 120 miliardi negli ultimi 50 anni (145, secondo altre stime). Parliamo di soldi per la ricostruzione, il costo della perdita di vite umane non è quantificabile.
continua a leggere

Antonio Scalari

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.